Passa ai contenuti principali

Ghosts of Halloween - the Amityville Horror


Finalmente un evento organizzato da me nel blog FICA, anche se esserci arrivata è stato un colpo di culo, comunquesia, sono in ballo e balliamo.
Per la festa di Halloween, ho deciso di prendere come tematica i fantasmi, e celebriamo tutti insieme questa festa che è ormai diventata internazionale, non solo anglosassone.

The Amytiville Horror, quello originale, si basa su fatti realmente accaduti in una casa infestata da uno spirito maligno, in cui sono morti tutti i membri di una famiglia.
La famiglia che decide di viverci capisce dopo qualche tempo la natura sinistra della casa, sia il prete, che una suora, scappano terrorizzati non appena vi entrano, la figlia più piccola di George Letz, parla con lo spirito di una bambina che si chiama Jody, e la invita a passare tutta l'eternità a giocare con lei  nella casa.
Come horror mi ha colpita molto, soprattutto per la capacità del regista di creare tensione scena dopo scena, e che la stessa non ti lascia mai.
Tutto nel film sembra preso dalla storia reale, e infatti è tratto dal romanzo di Jay Hanson, Orrore ad Amytiville, per questo è molto realistico rispetto ad altri film del genere.
Per me è stata un occasione per guardarlo, dato che fino ad ora non l'avevo mai visto, l'ho visto proprio ieri pomeriggio, nel lettore di casa e scritto la recensione subito dopo.

Se credete che sia solo un film tutto incentrato sulla tensione e l'atmosfera, vi sbagliate, almeno in parte, perchè il tutto è anche giocato su cosa realmente si cela in quella casa.
Il segreto viene svelato da una sensitiva, che capisce subito che qualcosa di oscuro si cela tra le mura di quella casa apparentemente tranquilla.
Ma le cose non si fermano solo a tutto ciò, strani eventi funestano gli abitanti della casa, che all'inizio non si rendono conto di cosa si cela, piano piano però l'orrore arriva come un fulmine a ciel sereno, una amica della figlia resta intrappolata nell'armadio, strani occhi scrutano il padrone di casa, mosche assaltano il prete che la deve benedire e un liquido nero invade la casa.
Non ci sono scene spaventose, tutto è giocato con la psicologia, come piace a me, e senza dubbio ti tiene incollato alla poltrona, proprio come facevano i vecchi horror di una volta, naturalmente la pellicola in esame oggi è uscita 35 anni fa, portati benissino nonostante in passare del tempo, avete notato la musichetta ipnotica? Mi ha messo i brividi, se avete visto il film l'avreste notato anche voi senza dubbio.
La famiglia Letz è scappata anche lei dalla casa dopo soli 28 giorni di permanenza, il prete dopo una messa delirante è diventato catatonico.
Da sottolineare come la scena dell'ascia sia stata da ispiratrice di un altro horror, Shining, il miglior horror che abbia mai visto.
Se non avete ancora visto Amytiville horror fatelo, soprattutto se siete appassionati del genere horror psicologico o siete horrorofili appassionati come la sottoscritta.
In conclusione, da non perdere assolutamente.
Voto: 8 e 1/2






Partecipano anche:
White Russian 
Bollalmanacco 
Scrivenny 
Inside The obsidian Mirror 
CinquecentofilmInsieme 
Combinazione Casuale 
Non C'è Paragone 
In Central Perk 
Director's Cult
Le Maratone di Un Bradipo Cinefilo
Mari's Red Room
Onironautaidiosincratico

Commenti

  1. cambierei la I e la Y, comunque gran bel film....lo devo rivedere

    RispondiElimina
  2. all'epoca mi piacque ...ma rivisto da poco mostra impietosamente i suoi anni, almeno secondo me....bentornata Arwenuccia!!

    RispondiElimina
  3. Non lo vedo da una mezza vita, ma lo ricordo assai spaventoso.

    RispondiElimina
  4. Film che non rivedo da parecchio ma ricordo benissimo che l'ultima volta mi deluse. Non ha retto il passare del tempo secondo me, ma resta uno dei cult della mia infanzia. Buon Halloween

    RispondiElimina
  5. A me non era affatto dispiaciuto, ma ho preferito di gran lunga il secondo!

    RispondiElimina
  6. Mai visto. Ho visto il remake, non mi aveva fatto impazzire e ho deciso di non guardare nemmeno l'originale. Potrei farlo però!.

    RispondiElimina
  7. un classico che ancora mi manca...

    RispondiElimina
  8. Visto che gli spaventi sembrano assicurati, e la vicenda "reale" li fa ancora più grande, direi che non me lo vedrò nemmeno per sbaglio :)
    Non è proprio la giornata per i fifoni oggi!

    RispondiElimina
  9. Amityville Horror ha il gran merito di aver inaugurato un genere e di aver piantato i paletti che saranno seguiti in futuro da innumerevoli altre pellicole fotocopia.
    Visto molti anni fa mi fece davvero paura, forse più per il fatto che, si dice, sia basato su una storia vera (adesso lo si dice di tutti i film, ma allora non era ancora un'abitudine consolidata).
    Il remake non l'ho visto ma dubito di essermi perso qualcosa. Sbaglio?

    RispondiElimina
  10. Mi manca. Come molti dei film proposti da voi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.