Passa ai contenuti principali

Girl Rising

Toh, un documentario? Si anche, ma diciamo che il film è un grandissimo spot pubblicitario delle associazioni che si occupano della discriminazione delle donne; per carità lungi da me dall'offendere queste istituzioni, che se non ci fossero molte donne sarebbero nei casini, però per fare un documentario non mi serve la sponsorizzazione di queste associazioni, preferisco un autore che si occupa - mdp a spalla - di violenza sulle donne, quando ho cominciato a vederlo mi aspettavo altro, e invece ho assistito a un lunghissimo e irritante spot pubblicitario fatto di dati, sondaggi e via dicendo, se voglono sensibilizzare l'opinione pubblica lo hanno fatto certamente col piede sbagliato.

Per questo film ci vorrebbe uno come Michael Moore, che intervista la gente, ci parla, non persone che parlano della loro storia - magari scritta su copione - per impietosire, no.
Bisogna parlare apertamente dei problemi delle donne, per fare indignare, si anche incazzare se è necessario, se devo essere sincera per gli spot pubblicitari mi basta la televisione - che per altro vedo anche poco - un documentario deve parlare apertamente, non comportarsi come una multinazionale che per "sensibilizzare" usa dati alla mano, e sondaggi manco fossimo in una conferenza aziendale.

Se l'intento del regista era questo allora ha fallito su tutti i piani, e pensare che avevo moltissime aspettative per questo film, che nonostante i presupposti si sono volatilizzate, e quando ho visto i dati mi si sono sgranati gli occhi dall'incredulità.
Per le storie raccontate in maniera fredda e piuttosto anonima rispetto a come dovrebbe essere un documentario non so quali siano effettivamente vere e cosa ci sia dietro, il fatto è che non mi hanno colpita, nada de nada, non hanno centrato il bersaglio che si erano prefissato.
Vi prego, ridatemi Michael Moore almeno lui è capace di far riflettere il pubblico, cosa che effettivamente a Richard Robbins non riesce, parla di queste storie come se il tutto non lo riguardasse personalmente, e tratta lo spettatore come fosse un membro di un azienda, piuttosto che un essere umano, no, questa freddezza è fin troppo anche per me.
In conclusione, film bocciatissimo, se mi devo incazzare lo devo fare a ragione, non comandata a bacchetta.
Voto: 2




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.