Passa ai contenuti principali

Lost in Translation - L'amore tradotto

Riguarda & Recensisci
Ok, torna la rubrica Riguarda & Recensisci, dopo una lunga pausa, e il film che ho scelto stasera è il secondo diretto da Sofia Coppola, Lost in Translation, l'amore tradotto.
Sembrerebbe un film barboso, noioso, invece no, è leggero come una piuma e soprattutto insolito.

Sofia Coppola consapevole del successo ottenuto con il suo primo lungometraggio, con il suo secondo lavoro molto più autoriale rispetto a Il giardino delle vergini suicide svolta pagina e dirige un film d'amore senza passioni, lacrime e privo dei soliti clichè presenti nelle pellicole del genere.
La sua impronta è presentissima, e credo lo si nota in ogni scena del film, stavolta è lei a battere chiodo, non c'è più il benestare di papà Francis qui in veste solo di produttore esecutivo.
Protagonisti del film sono Bill Murray nel ruolo di Bob Harris attore ormai sul viale del tramonto che si trova in giappone per girare una pubblicità per un liquore, che incontra e si scontra con Scarlett Johansson nel ruolo di Charlotte, una ragazza sposata con un fotografo che la lascia sempre sola in albergo, interpretato da Giovanni Ribisi.
Per una serie di coincidenze o è il destino a farli incontrare, i due vivono un avventura che li cambierà, e li vedrà protagonisti di una tenera amicizia, complice una notte insonne si incontrano al bar, e da allora non si lasciano più per tutto il tempo del loro soggiorno a Tokio.

Chi lo dice che l'amore è solo lacrime e passione? Può nascere una storia delicata e sensibile allo stesso tempo?
La risposta è Si, e solo una regista sensibile come Sofia Coppola poteva partorire un simile capolavoro.
Per me è e resta il suo miglior film, dovrei rivedere Somewhere per poterlo carpire meglio ma sinceramente parlando la leggerezza di Lost in Translation è tutta un altra cosa.
Forse il segreto di tutto ciò sta nella semplicità con cui è raccontata la storia, e nella capacità della regista di raccontarlo in maniera limpida, priva dei clichè in cui sono imperniati i cosidetti film d'amore.
L'amore forse è proprio così, fatto di silenzi, di parole, di sguardi, di complicità  e d'affetto, non sapremo mai se Bob e Charlotte un giorno si reincontreranno, ma la scena finale con quel bacio dato in maniera semplice e diretta, forse quasi disperata, ti fa emozionare più di qualsiasi scena passionale mai girata al cinema.
Se questo è poco scusate, ma come scena non l'ho mai dimenticata persino ora che in questi giorni d'assenza l'ho rivisto, e ho provato le medesime sensazioni bellissime della prima volta che l'ho visto.
Indimenticabile la scena del karaoke, quella corsa per le strade di Tokio, in mezzo ai videogiochi, le luci della città giapponese, i colori, il caos della città che sembra più una passeggiata priva di rumori caotici, le scene comiche in cui Bob parla con i giapponesi non capendo un fico secco di quello che dicono, e tante tante cose...
Credo che con questo film Sofia Coppola abbia fatto allo stesso tempo qualcosa di nuovo e unico nel suo genere, speriamo che ritorni con una pellicola ancora più bella di questa, perchè come regista la apprezzo molto, e merita, merita parecchio, non a caso questo film ha vinto l'oscar per la miglior sceneggiatura, scritta dalla piccola ma grande Sofia.
Molto bravi i due interpreti principali Bill Murray bravissimo attore comico in un ruolo insolito e Scarlett Johansson prima che si facesse prendere le smanie extraterrestri del deludentissimo Under The Skin.
Voto: 8


Commenti

  1. non potevi tornare con un film migliore!
    per me è un cult totale, anche se il mio preferito della coppolina resta l'insuperabile il giardino delle vergini suicide.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il giardino delle vergini suicide è nel mio cuore <3

      Elimina
  2. Cavolo, mi sono persa anche questo.. sempre in lista tra i "cult" da vedere ma ancora mai fatto. Sofia non mi ha mai delusa. Provvederò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recupera, e appena hai fatto fammi un fischio che ti vengo a leggere ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…