Passa ai contenuti principali

Three...Extremes

E la fabbrica torna a partecipare ai days del blog FICA, questa volta si celebra il compleanno di Obsidian Mirror, e per la precisione, si è deciso di organizzare una maratona di K-Horror, ovvero una serie di recensioni di horror Coreani, io ho scelto Three...Extremes


Tre episodi scollegati tra loro, che hanno in comune l'horror estremo, nel primo diretto da Fruit Chan, si racconta la storia di una donna anziana, ma dall'aspetto giovane, che svela il segreto della sua giovinezza a un altra donna, un segreto allucinante da pelle d'oca, mangiare feti umani abortiti, vi lascio immaginare l'epilogo macabro e impressionantissimo a cui questa donna per rendersi giovane e bella è capace di fare.
Il secondo diretto da Park Chan-Wook, che è quello che preferisco, ci sono un uomo e una donna legati con dei fili, un attore fallito sequestra il regista di un film e lo rinchiude nel set, per salvare la moglie deve uccidere una bambina.
Il terzo e ultimo, è il più visionario e poetico dei tre episodi, ed è diretto da Takashii Mike, in cui una ragazza è perseguitata dall'incubo della morte di sua sorella gemella, e allo stesso tempo è attratta dal suo editore, una donna che forse deve espiare una colpa non sua.
Il vero enigma è scoprire se questa colpa è sua oppure c'è qualcosa sotto.

Immenso, allucinato ed estremo, film collettivo di tre episodi uno più terrificante dell'altro, nel senso ovviamente buono del termine ovviamente, ricordate che a dirigere questo film ad episodi sono tre assi del cinema coreano, tra cui due da me molto apprezzati, Takashi Miike e Park Chan-Wook, Ammetto di non conoscere Fruit Chan, di cui ho apprezzato il primissimo episodio di questo film.
Un film godibilissimo se siete appassionati di horror, sicuramente non vi lascerà indifferenti, soprattutto non si dimentica facilmente.
Gli orientali in fatto di cinema sono imbattibili, e per quanto riguarda l'horror, abbiamo da imparare molto dalla loro originalità e innovazione, noi che copiano e replichiamo a più non posso tematiche e generi già visti e rivisitati.
In questo film tutto è portato all'estremo, all'esagerazione e guardarlo non è mai uno spettacolo che si può sopportare, soprattutto se avete lo stomaco debole, astenetevi, anche se siete cardiopatici, potreste restarne secchi davanti a questo film.
Se non vi disturbano scene potenti allora andate pure sul sicuro, qui non si hanno proprio limiti, e la sfida alla sopportazione si taglia con un coltello.
Cos'altro dire?
Correte a guardarlo se amate il cinema horror fa sicuramente per voi, e se lo amate estremo tanto meglio!!!
Gli orientali si dimostrano maestri anche in questo campo, e se loro si mettono dietro la macchina da presa, sfornano gioielli, capaci di darti la pelle d'oca, proprio come questo film.
Voto: 9







Qui Continua K-Horror Day, ecco le recensioni degli altri amici bloggers
White Russian Cinema
Non C'è Paragone
Mari's Red Room
Pensieri Cannibali
Cinquecentofilminsieme
In Central Perk
Director's Cult
Il bollalmanacco di Cinema
Delicatamente Perfido
Recensioni Ribelli

Commenti

  1. A parte il primo, che comunque ha un'idea bella potente, dei corti belli e assurdi. Il mio preferito è quello di Miike.

    RispondiElimina
  2. Bello, bello bello! L'ho visto non troppo tempo fa e mi piacque moltissimo!!

    RispondiElimina
  3. Questo volevo vederlo da parecchio ma, da amante della cucina cinese, mi ha sempre un po' frenata Dumplings XD

    RispondiElimina
  4. Questo è da tempo nella mia lista dei "Da vedere" malgrado i 3 (extreme) mi piacciano e non poco, chissà se dopo il tuo commento riuscirò a trovare mai il tempo per vederlo. Cheers! ;-)

    RispondiElimina
  5. Vado a fare una visita dal cardiologo e se tutto è ok, guarderò il film :-p

    RispondiElimina
  6. Sono anni che non lo rivedo, eppure mi ricordo che non mi parve perfettamente riuscito. Dovrei rispolverarlo, però.

    RispondiElimina
  7. Anche io mi riprometto da tempo di vederlo, ma le parole "orrore", "estremo" e "coreano" nella stessa frase mi hanno fatto desistere, soprattutto per quel primo episodio lì...

    RispondiElimina
  8. BEllo, però l'episodio migliore è di un giapponese ;)

    RispondiElimina
  9. Sarà perché avevo precedentemente già visto il lungometraggio "Dumplings" dello stesso regista, qui ridotto ad un debole episodio, ma non sono riuscito ad appassionarmi troppo a Three Extreme nel suo complesso (anche se gli altri due episodi, specialmente quello diretto da Park Chan-wook, non sono per niente male).
    A memoria ricordo di essere uscito con maggior soddisfazione dal primo film, "Three", uscito giusto un paio di anni prima...
    Grazie per aver partecipato al KHD!

    RispondiElimina
  10. Ti sei presa un bel pezzo da 90 tu! Visti i nomi coinvolti, non escludo di vederlo a breve!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.