Passa ai contenuti principali

Three...Extremes

E la fabbrica torna a partecipare ai days del blog FICA, questa volta si celebra il compleanno di Obsidian Mirror, e per la precisione, si è deciso di organizzare una maratona di K-Horror, ovvero una serie di recensioni di horror Coreani, io ho scelto Three...Extremes


Tre episodi scollegati tra loro, che hanno in comune l'horror estremo, nel primo diretto da Fruit Chan, si racconta la storia di una donna anziana, ma dall'aspetto giovane, che svela il segreto della sua giovinezza a un altra donna, un segreto allucinante da pelle d'oca, mangiare feti umani abortiti, vi lascio immaginare l'epilogo macabro e impressionantissimo a cui questa donna per rendersi giovane e bella è capace di fare.
Il secondo diretto da Park Chan-Wook, che è quello che preferisco, ci sono un uomo e una donna legati con dei fili, un attore fallito sequestra il regista di un film e lo rinchiude nel set, per salvare la moglie deve uccidere una bambina.
Il terzo e ultimo, è il più visionario e poetico dei tre episodi, ed è diretto da Takashii Mike, in cui una ragazza è perseguitata dall'incubo della morte di sua sorella gemella, e allo stesso tempo è attratta dal suo editore, una donna che forse deve espiare una colpa non sua.
Il vero enigma è scoprire se questa colpa è sua oppure c'è qualcosa sotto.

Immenso, allucinato ed estremo, film collettivo di tre episodi uno più terrificante dell'altro, nel senso ovviamente buono del termine ovviamente, ricordate che a dirigere questo film ad episodi sono tre assi del cinema coreano, tra cui due da me molto apprezzati, Takashi Miike e Park Chan-Wook, Ammetto di non conoscere Fruit Chan, di cui ho apprezzato il primissimo episodio di questo film.
Un film godibilissimo se siete appassionati di horror, sicuramente non vi lascerà indifferenti, soprattutto non si dimentica facilmente.
Gli orientali in fatto di cinema sono imbattibili, e per quanto riguarda l'horror, abbiamo da imparare molto dalla loro originalità e innovazione, noi che copiano e replichiamo a più non posso tematiche e generi già visti e rivisitati.
In questo film tutto è portato all'estremo, all'esagerazione e guardarlo non è mai uno spettacolo che si può sopportare, soprattutto se avete lo stomaco debole, astenetevi, anche se siete cardiopatici, potreste restarne secchi davanti a questo film.
Se non vi disturbano scene potenti allora andate pure sul sicuro, qui non si hanno proprio limiti, e la sfida alla sopportazione si taglia con un coltello.
Cos'altro dire?
Correte a guardarlo se amate il cinema horror fa sicuramente per voi, e se lo amate estremo tanto meglio!!!
Gli orientali si dimostrano maestri anche in questo campo, e se loro si mettono dietro la macchina da presa, sfornano gioielli, capaci di darti la pelle d'oca, proprio come questo film.
Voto: 9







Qui Continua K-Horror Day, ecco le recensioni degli altri amici bloggers
White Russian Cinema
Non C'è Paragone
Mari's Red Room
Pensieri Cannibali
Cinquecentofilminsieme
In Central Perk
Director's Cult
Il bollalmanacco di Cinema
Delicatamente Perfido
Recensioni Ribelli

Commenti

  1. A parte il primo, che comunque ha un'idea bella potente, dei corti belli e assurdi. Il mio preferito è quello di Miike.

    RispondiElimina
  2. Bello, bello bello! L'ho visto non troppo tempo fa e mi piacque moltissimo!!

    RispondiElimina
  3. Questo volevo vederlo da parecchio ma, da amante della cucina cinese, mi ha sempre un po' frenata Dumplings XD

    RispondiElimina
  4. Questo è da tempo nella mia lista dei "Da vedere" malgrado i 3 (extreme) mi piacciano e non poco, chissà se dopo il tuo commento riuscirò a trovare mai il tempo per vederlo. Cheers! ;-)

    RispondiElimina
  5. Vado a fare una visita dal cardiologo e se tutto è ok, guarderò il film :-p

    RispondiElimina
  6. Sono anni che non lo rivedo, eppure mi ricordo che non mi parve perfettamente riuscito. Dovrei rispolverarlo, però.

    RispondiElimina
  7. Anche io mi riprometto da tempo di vederlo, ma le parole "orrore", "estremo" e "coreano" nella stessa frase mi hanno fatto desistere, soprattutto per quel primo episodio lì...

    RispondiElimina
  8. BEllo, però l'episodio migliore è di un giapponese ;)

    RispondiElimina
  9. Sarà perché avevo precedentemente già visto il lungometraggio "Dumplings" dello stesso regista, qui ridotto ad un debole episodio, ma non sono riuscito ad appassionarmi troppo a Three Extreme nel suo complesso (anche se gli altri due episodi, specialmente quello diretto da Park Chan-wook, non sono per niente male).
    A memoria ricordo di essere uscito con maggior soddisfazione dal primo film, "Three", uscito giusto un paio di anni prima...
    Grazie per aver partecipato al KHD!

    RispondiElimina
  10. Ti sei presa un bel pezzo da 90 tu! Visti i nomi coinvolti, non escludo di vederlo a breve!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…