Passa ai contenuti principali

American Sniper

Film tratto da una storia vera.
La Storia del cecchino più letale della storia americana: Chris Kyle.
A interpretarlo nel film è Bradley Cooper, attore in auge in questi anni e di grande talento, questa è la prima volta che si confronta con un personaggio realmente esistito.

Il film è stato accusato addirittura di fascismo, si sanno le opinioni politiche di Clint Eastwood, che ha simpatie repubblicane, anche se ha ideali molto democratici, per esempio sostiene i diritti dei gay tanto per citare alcune iniziative che svolge.
Ma lasciamo perdere la politica e concentriamoci sul film: film che è tratto dall'autobiografia di Chris Kyle, e che racconta la sua straordinaria abilità nello sparare col fucile, abilità che lo porterà sia a salvare vite umane, sia a diventare il bersaglio degli iracheni che vogliono imprigionarlo per farlo fuori.
Il giovane Kyle farà molta strada e combatterà in Iraq, ma al ritorno a casa deve fare i conti con le conseguenze devastanti della guerra.

Nei film di guerra c'è sempre il rischio di cadere nei clichè, soprattutto se sono tratti da una storia realmente accaduta.
Clint Eastwood sceglie di percorrere una strada ancora più rischiosa, dato l'abilità del protagonista nello sparare col fucile; e i rischi hanno portato come conseguenza migliaia di polemiche, sull'uso eroistico della figura del cecchino, non capendo secondo me - ma potrei anche sbagliare non lo so - che non si racconta nulla di eroico, anzi...
Il film si concentra molto sulla figura di Chris Kyle, forse per questo i detrattori lo hanno criticato.
Ovviamente non ha fatto nessuna polemica contro la guerra, ma al contrario, ha mostrato concretamente le devastanti conseguenze psicologiche su chi combatte al fronte, facendole toccare con mano agli spettatori, il che è più un pregio che un difetto.
Quel che è peggio è l'assoluta incapacità non di capire, per carità, il film è fatto per essere criticato, in positivo o in negativo, nessuno dibatte su questo; quello che intendo io è non c'è una morale sulla guerra, e Eastwood si concentra proprio su questi toni, per questo il film è difficile vederlo positivamente.
Non per la qualità, è uno dei migliori film dell'anno, io stessa gli darò un voto di merito che si spetta.
Detto ciò consiglio la visione, anche per imparare qualcosa in più, sulla devastazione della guerra.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. Eastwood nella sua carriera ha fatto di meglio, tecnicamente ha delle indubbie qualità, però l'ho trovato un filo superficiale, quasi la celebrazione di un'eroe che eroe non è, quando si poteva scavare ancora di più sulla crudeltà della guerra.
    Manca proprio una morale come hai detto giustamente tu, quindi mi ha lasciato con l'amaro in bocca. Tutte quelle nomination all'oscar poi...ma degli oscar chi se ne importa in fondo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come si dice...de gustibus, certamente non è il miglior film di Eastwood, a questo senza dubbio preferisco maggiormente mystic river che è il suo capolavoro

      Elimina
    2. Mystic River è uno dei miei film prefereriti! :)

      Elimina
  2. Faccio parte di quelli a cui purtroppo non è piaciuto.
    L'ho trovato davvero superficiale. Mi ha dato fastidio per quello, non per lo smaccato e cieco patriottismo di Eastwood.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ecco, ma con questi film si cade sempre nello stereotipo del patriottismo, eastwood avrebbe dovuto fare una critica alla guerra...sarebbe stato meglio...

      Elimina
  3. Molto bello, volutamente ambiguo, con qualche caduta di tono poco prima del finale (intendo lo one shot da supermacho) ma sicuramente in grado di fare riflettere e discutere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.