Passa ai contenuti principali

American Sniper

Film tratto da una storia vera.
La Storia del cecchino più letale della storia americana: Chris Kyle.
A interpretarlo nel film è Bradley Cooper, attore in auge in questi anni e di grande talento, questa è la prima volta che si confronta con un personaggio realmente esistito.

Il film è stato accusato addirittura di fascismo, si sanno le opinioni politiche di Clint Eastwood, che ha simpatie repubblicane, anche se ha ideali molto democratici, per esempio sostiene i diritti dei gay tanto per citare alcune iniziative che svolge.
Ma lasciamo perdere la politica e concentriamoci sul film: film che è tratto dall'autobiografia di Chris Kyle, e che racconta la sua straordinaria abilità nello sparare col fucile, abilità che lo porterà sia a salvare vite umane, sia a diventare il bersaglio degli iracheni che vogliono imprigionarlo per farlo fuori.
Il giovane Kyle farà molta strada e combatterà in Iraq, ma al ritorno a casa deve fare i conti con le conseguenze devastanti della guerra.

Nei film di guerra c'è sempre il rischio di cadere nei clichè, soprattutto se sono tratti da una storia realmente accaduta.
Clint Eastwood sceglie di percorrere una strada ancora più rischiosa, dato l'abilità del protagonista nello sparare col fucile; e i rischi hanno portato come conseguenza migliaia di polemiche, sull'uso eroistico della figura del cecchino, non capendo secondo me - ma potrei anche sbagliare non lo so - che non si racconta nulla di eroico, anzi...
Il film si concentra molto sulla figura di Chris Kyle, forse per questo i detrattori lo hanno criticato.
Ovviamente non ha fatto nessuna polemica contro la guerra, ma al contrario, ha mostrato concretamente le devastanti conseguenze psicologiche su chi combatte al fronte, facendole toccare con mano agli spettatori, il che è più un pregio che un difetto.
Quel che è peggio è l'assoluta incapacità non di capire, per carità, il film è fatto per essere criticato, in positivo o in negativo, nessuno dibatte su questo; quello che intendo io è non c'è una morale sulla guerra, e Eastwood si concentra proprio su questi toni, per questo il film è difficile vederlo positivamente.
Non per la qualità, è uno dei migliori film dell'anno, io stessa gli darò un voto di merito che si spetta.
Detto ciò consiglio la visione, anche per imparare qualcosa in più, sulla devastazione della guerra.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. Eastwood nella sua carriera ha fatto di meglio, tecnicamente ha delle indubbie qualità, però l'ho trovato un filo superficiale, quasi la celebrazione di un'eroe che eroe non è, quando si poteva scavare ancora di più sulla crudeltà della guerra.
    Manca proprio una morale come hai detto giustamente tu, quindi mi ha lasciato con l'amaro in bocca. Tutte quelle nomination all'oscar poi...ma degli oscar chi se ne importa in fondo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come si dice...de gustibus, certamente non è il miglior film di Eastwood, a questo senza dubbio preferisco maggiormente mystic river che è il suo capolavoro

      Elimina
    2. Mystic River è uno dei miei film prefereriti! :)

      Elimina
  2. Faccio parte di quelli a cui purtroppo non è piaciuto.
    L'ho trovato davvero superficiale. Mi ha dato fastidio per quello, non per lo smaccato e cieco patriottismo di Eastwood.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ecco, ma con questi film si cade sempre nello stereotipo del patriottismo, eastwood avrebbe dovuto fare una critica alla guerra...sarebbe stato meglio...

      Elimina
  3. Molto bello, volutamente ambiguo, con qualche caduta di tono poco prima del finale (intendo lo one shot da supermacho) ma sicuramente in grado di fare riflettere e discutere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.