Passa ai contenuti principali

Complice La Notte

Wowww, finalmente recensisco uno dei film che agognavo vedere da tempo indefinito.
Non lo trovavo da nessuna parte, ma, complice internet e il fidato amico emule (massì tanto lo usiamo tutti, evitiamo le ipocrisie) sono riuscita a vederlo!!!
Trovarlo è stata un impresa colossale, e alla fine dopo averlo finalmente beccato me lo sono guardato in santa pace.



Mike Figgis è sempre stato una garanzia di qualità, sin da quando ho visto il bellissimo - cercherò di recuperarlo anche - Via da Las Vegas con uno straordinario Nicolas Cage.
Per questo film i protagonisti sono Wesley Snipes e Nastassja Kinsky, nei rispettivi ruoli di Max e Karen: Lui è in viaggio per raggiungere un amico per una rappresentazione teatrale, e incontra lei per caso sull'aereo, poi dopo aver atterrato vengono aggrediti da uno sconosciuto, lui la invita alla rappresentazione dell'amico e finiscono per passare la notte insieme.
Il giorno dopo tutto torna come prima, anche se per Max, non è facile dimenticare quella inaspettata notte di passione.
I due si rivedono per caso, quando l'amico di Max gravemente malato di aids, peggiora e lì fa la conoscenza di suo fratello e sua moglie, che altri non è che Karen con cui ha passato quella notte d'amore un anno prima, le cose prenderanno una piega inaspettata, anche perchè i rispettivi coniugi sono presenti.

Con questo film Mike Figgis, ci mostra come una avventura accaduta per caso, possa mettere in discussione una intera esistenza grazie agli eventi che si susseguono e al destino.
Evitando i soliti clichè di sentimentalismi inutili, Figgis sceglie di rappresentare i personaggi come persone normali, in cui ognuno di noi si può riconoscere, non ci sono scene lacrimevoli e non si sciupano tonnellate di clinex, no, sullo schermo sono rappresentate persone come me o voi. E'  il gioco del destino e del fato a sottolineare l'imprevedibilità della vita, soprattutto di sentimenti celati pronti a fuori uscire senza che ce ne rendiamo conto.
Il film è imperdibile, soprattutto per la capacità di essere onesto e sincero come pochi sanno essere, i sentimenti non si possono prevedere, nè tantomeno nascondere, bisogna assolutamente affrontarli, anche se questo vuol dire scoprire che i rispettivi coniugi hanno capito, o meglio, hanno anche loro provato qualcosa, il finale lascia di stucco perchè non te lo aspetti proprio, ed è proprio questa imprevedibilità il centro di un film tanto sincero quanto profondo.
Non è il classico film d'amore come noi lo conosciamo, ma è un film che affronta i sentimenti, che li mette a nudo mostrandoli al pubblico, in maniera schietta e sincera, anzi fin troppo a volte, e vi assicuro che nonostante tutto, questo è un film bellissimo, per me è imperdibile.
Voto: 8



Commenti

  1. Ciao, sto cercando lo stesso film in italiano o almeno con i sottotitoli in italiano. Mi sai dire?

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.