Passa ai contenuti principali

Hors Satan

State alla larga da questo film, se soprattutto amate un genere di cinema coinvolgente.
Se come me amate qualsiasi forma di film, sia minimalista, sia autoriale e complesso allora potete immergervi in questa opera, piuttosto ostica direi.
La mia recensione è assolutamente positiva, spesso il silenzio urla più di mille parole e per certi versi nel film è così che va la storia.

Bruno Dumont è ateo, per sua stessa ammissione, perciò non ha voluto fare un film sulla fede, anche se quello strano uomo compie gesti e azioni assai curiose, seguito da una ragazza che ha fede cieca in lui.
Secondo la mia visione Hors Satan è un film sulla ricerca del sacro, di qualcosa che compie miracoli o malignità a metà strada tra il bene e il male.
I protagonisti spesso e volentieri si vedono in ginocchio a capo chino e mani giunte a pregare chissà chi, un Dio? Un entità superiore?
Fatto sta che Hors Satan è un film che ti mette davanti il classico dubbio su ciò che reale e ciò che non lo è, ciò che è bene e ciò che è male.
Non da risposte, quelle semmai sono dentro di noi, bisogna cogliere lo spirito di un film tanto complesso come questo per cercare di capirlo, o al massimo cercare di coglierne il più complesso significato, il che non è mai facile dato la complessità dell'opera in esame.

Da sempre l'uomo è portato a credere a qualche entità superiore, e bene o male succede questo alla ragazza protagonista del film.
Pochissimi i dialoghi, le scene parlano da sè, quindi è possibile immergersi in questo lungometraggio senza aspettarsi il solito intrattenimento caciarone, ma imparando a osservare e soprattutto ad ascoltare e guardare.
Non tutti i film sono come ce li aspettiamo, vi avviso che se non vi piace il genere minimalista potreste restare piuttosto annoiati e bollare erroneamente un opera che di per se è un capolavoro.
Bruno Dumont sceglie di mettere al centro l'uomo, davanti alle domande esistenziali sul mistero della sua presenza sulla terra, e lo fa nel modo a lui più consono, osservandolo da vicino davanti a persone che compiono azioni e miracoli, che le persone normali generalmente non compiono.
L'uomo di fronte alla fede è frastornato è nudo, è forse questo il messaggio occulto nascosto nel film?
A voi la scelta di osservare e capire.
La fede resta sempre un mistero, che lo si voglia o no, non ci sono prove, soltanto risposte e visioni che sono dentro di noi, come si dice, Dio è dentro di noi, bisogna imparare a trovarlo, non esistono altre risposte.
Voto: 9


Commenti

  1. Mi piacciono solitamente questi film minimalisti, ma di questo ne ero completamente all'oscuro..Grazie cara amica di avercene parlato, penso sia interessante perchè tratta un tema che è vicino a noi più di quanto si creda..
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, allora recuperalo, ti piacerà ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.