Passa ai contenuti principali

Hors Satan

State alla larga da questo film, se soprattutto amate un genere di cinema coinvolgente.
Se come me amate qualsiasi forma di film, sia minimalista, sia autoriale e complesso allora potete immergervi in questa opera, piuttosto ostica direi.
La mia recensione è assolutamente positiva, spesso il silenzio urla più di mille parole e per certi versi nel film è così che va la storia.

Bruno Dumont è ateo, per sua stessa ammissione, perciò non ha voluto fare un film sulla fede, anche se quello strano uomo compie gesti e azioni assai curiose, seguito da una ragazza che ha fede cieca in lui.
Secondo la mia visione Hors Satan è un film sulla ricerca del sacro, di qualcosa che compie miracoli o malignità a metà strada tra il bene e il male.
I protagonisti spesso e volentieri si vedono in ginocchio a capo chino e mani giunte a pregare chissà chi, un Dio? Un entità superiore?
Fatto sta che Hors Satan è un film che ti mette davanti il classico dubbio su ciò che reale e ciò che non lo è, ciò che è bene e ciò che è male.
Non da risposte, quelle semmai sono dentro di noi, bisogna cogliere lo spirito di un film tanto complesso come questo per cercare di capirlo, o al massimo cercare di coglierne il più complesso significato, il che non è mai facile dato la complessità dell'opera in esame.

Da sempre l'uomo è portato a credere a qualche entità superiore, e bene o male succede questo alla ragazza protagonista del film.
Pochissimi i dialoghi, le scene parlano da sè, quindi è possibile immergersi in questo lungometraggio senza aspettarsi il solito intrattenimento caciarone, ma imparando a osservare e soprattutto ad ascoltare e guardare.
Non tutti i film sono come ce li aspettiamo, vi avviso che se non vi piace il genere minimalista potreste restare piuttosto annoiati e bollare erroneamente un opera che di per se è un capolavoro.
Bruno Dumont sceglie di mettere al centro l'uomo, davanti alle domande esistenziali sul mistero della sua presenza sulla terra, e lo fa nel modo a lui più consono, osservandolo da vicino davanti a persone che compiono azioni e miracoli, che le persone normali generalmente non compiono.
L'uomo di fronte alla fede è frastornato è nudo, è forse questo il messaggio occulto nascosto nel film?
A voi la scelta di osservare e capire.
La fede resta sempre un mistero, che lo si voglia o no, non ci sono prove, soltanto risposte e visioni che sono dentro di noi, come si dice, Dio è dentro di noi, bisogna imparare a trovarlo, non esistono altre risposte.
Voto: 9


Commenti

  1. Mi piacciono solitamente questi film minimalisti, ma di questo ne ero completamente all'oscuro..Grazie cara amica di avercene parlato, penso sia interessante perchè tratta un tema che è vicino a noi più di quanto si creda..
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, allora recuperalo, ti piacerà ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.