Passa ai contenuti principali

Jersey Boys

Ed eccomi anche oggi con la recensione alla fabbrica dei sogni, spero di farne un altra così vi accontento doppiamente, quanto mi piace scrivere due recensioni al giorno, mi ci diverto un sacco!
Per oggi come prima recensione ho scelto il magnifico Jersey Boys penultimo film diretto dal grande Clint Eastwood.



Vi dico la verità, durante la visione avevo l'impressione di assistere a una pellicola di Martin Scorsese, e la motivazione sta nel fatto che è ambientato in un quartiere italo americano, ed è girata nella maniera e nello stile del grande Martin Scorsese, segno che Clint si è ispirato a lui per dirigere questo film.
Poi, le mirabolanti canzoni che accompagnano il film, tratte da una storia vera, il film è la biografia del gruppo Frankie Valli & the Fourth Season che andavano alla grande negli anni sessanta.
Sono loro che per primi hanno reso classico una grande canzone come Cant' take my eyes off you, portata al successo negli anni settanta come cover da Gloria Gaynor e io non lo sapevo finchè non è uscito questo film.
Naturalmente dobbiamo dire che questo gioiellino merita di essere visionato perchè che se ne dica, è il primo film musicale diretto da Clint Eastwood, e che lo vogliate o no, anche se non ha dimestichezza col genere - lui è un grande nel western e nel poliziesco, e di solito i suoi film sono di questi generi, chi non lo ricorda in Potere Assoluto o Debito di Sangue? - è capace di fare un grande film, grazie alla sua capacità di cogliere una personalizzazione non comune al cinema, soprattutto per chi non ha dimestichezza col genere, riuscendo non a fare un disastro, ma un ottimo film...e scusate se è poco.
Quindi il film non merita solo una visione, ma di essere collezionato punto!!

A me è piaciuto un sacco!
Senza dubbio è uno dei migliori film usciti l'anno scorso, un ottimo film direi.
Capace di fare immergere lo spettatore nei meravigliosi anni sessanta, e scoprire altri grandi artisti musicali, anche se la stagione d'oro di Frankie Valli & The Fourth Season è durata negli anni sessanta e in parte nei settanta, poi per problemi con il manager si sono sciolti, ma questo capita un po' con tutti quanti.
Se vi volete tuffare nella musica e nelle atmosfere 60's non perdetevi assolutamente questo film, ne vale veramente la pena di guardarlo, e tutto questo grazie a un sorprendente Clint Eastwood, che si conferma ancora una volta un grandissimo regista.
Non perdetevi il balletto finale dei titoli di coda, magistrale interpretazione in chiava musical della musica di Frankie Valli & The Fourth Season, che dimostra quanto sia grandiosa la capacità registica di Eastwood.
Voto: 8


Commenti

  1. Io non sono trovassimo per i film che racchiudono biografia, musica e un pochino di storia, ma questo mi è piaciuto moltissimo sul serio! Non ero troppo motivata prima di vederlo perché, essendo piccina, conosco solamente il cantante del gruppo per via delle canzoni di Grease, ma l'ho trovato comunque molto ben realizzato ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.