Passa ai contenuti principali

Melancholia

No, questa non è una recensione...è semplicemente un invito a guardare questo film, punto!
Certi film richiedono forse una quantità di tempo che va oltre i consueti canoni del cinema come noi lo conosciamo, ma vi è l'assoluta certezza che non ci vuole una semplice recensione per parlarne.
Melancholia di Lav Diaz è uno di questi film.



E' un espeienza, che ogni cinefilo degno di questo nome dovrebbe fare, senza diventare estremisti e rifiutare ogni forma dell'arte cinematografica esistente, altrimenti non si è più cinefili, si è selettivi punto.
La prima cosa che salta in mente durante la visione di Melancholia, è l'assoluta tristezza presente nel film, tristezza verso la vita, verso un mondo senza speranza di redenzione, dove c'è un senso di depressione opprimente, che svuota gli animi, e ci rende nudi, vulnerabili, incapaci di affrontare la vita come viene.
Lo scenario è desolante e depresso, ma colpisce proprio per il coraggio con cui il regista Lav Diaz, riesce a parlare attraverso la sua telecamera.
Il film sembra costruito con una videocamera, girato in bianco e nero per accentuare il senso di depressione del film, e si incentra su tre persone, che si sottopongono a un curioso esperimento per superare il loro stato di angoscia.
Per una sarà un viaggio senza ritorno, per gli altri due invece sarà la valvola per superare le loro depressioni e cercare di ricostruire la loro vita.
Vi invito tutti a guardare questo film, non spaventatevi della durata, dura più di sette ore, apparte l'ultima parte che risulta un po' pesante il film scorre via come un fiuime ed è fluibile e facile da vedere, l'ultima parte è quella molto pesante, ma bene o male è la catarsi della trama e ci sta perchè lì c'è il climax di tutto il film.
E' senza dubbio un film da festival senza mercato, un opera di sconvolgente bellezza, che è difficile che si dimentichi e ti rimane dentro.
Tra le scene più belle segnalo quella in cui la madre si riprende la figlia che si prostituisce e l'abbraccia, si prova dentro un emozione pazzesca che colpisce nel profondo al cuore, impossibile non emozionarsi davanti a quella scena, che per me resta la migliore del film.
Procuratevi questo film, perchè ne vale la pena di guardarlo.
Per quanto mi riguarda, io cercherò altre opere di questo regista perchè lo trovo interessante, e come per Melancholia, non ci sarà una recensione, ma un invito a guardarli, è il minimo che possa fare davanti a opere grandiose come questa.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.