Passa ai contenuti principali

Abuso di Potere

Riguarda & Recensisci

Ritorna Riguarda & Recensisci, la rubrica della fabbrica dei sogni che ripesca i film visti e non ancora recensiti nel blog, per questo appuntamento ho scelto il thriller Abuso di Potere, con Kurt Russell, Madeleine Stowe e Ray Liotta.
Tutti noi vorremmo avere sicurezza e stabilità a casa nostra, e quando questa ci viene a mancare è bello avere le forze dell'ordine sempre pronte a difendere il nostro orticello...il problema è quando queste forze dell'ordine diventano una minaccia ben più pericolosa dei ladruncoli che hanno invaso l'orticello...come sfuggire all'abuso di potere del poliziotto?
La storia del film racconta di Michael e Karen Carr, una coppia benestante che hanno casa con piscina, una sera si inserisce un ladro che minaccia Karen con un coltello, ma poi scappa, soprattutto quando arriva la polizia, ed è qui che Pete aiuta la coppia con l'inserimento di un allarme per far modo di evitare queste intrusioni.
Il giorno dopo Pete invita Michael per un giro di pattuglia, individuato il ladro, Pete lo invita a picchiarlo: appena Michael si rifiuta cominciano a cambiare i giochi, perseguitando la coppia, arrivando ad insidiare Karen e a minacciare Michael.

Ci troviamo di fronte a un thriller avvincente, non banale, ma astutamente intelligente, diretto da uno specialista del genere - chi si ricorda Sotto Accusa con Jody Foster? Il regista era proprio Jonathan Kaplan che nel 1992 dirige questo film dove non tutto è come sembra - che sa come manovrare le pedine del gioco e lo dimostra scena dopo scena, con questo sorprendente film.
Anche gli attori sono molto bravi Ray Liotta nel ruolo di cattivo è incredibile, mentre Kurt Russell con il suo ruolo di marito e persona normale sembra il classico fesso, ma sotto sotto dimostra di aver le palle quadrate quando capisce il gioco sporco di Pete.
Molto brava anche Madeleine Stowe, nel ruolo di Karen, donna normale che è capace non solo di dare un anima al personaggio, ma anche lei è capace di fare uscire una forza interiore incredibile capace di tenere testa al cattivo, questa volta il poliziotto.
Spesso sono le persone che dovrebbero proteggerci il vero male, male in cui dobbiamo difenderci con le unghie e con i denti, è proprio questo il messaggio finale di questo straordinario film.
Prossimo Appuntamento con Riguarda & Recensisci - Seduzione Pericolosa

Voto: 7 e 1/2




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.