Passa ai contenuti principali

La Casa del Sorriso

Torna alla fabbrica, - e prossimamente nelle mie visioni cinematografiche - Marco Ferreri, con il suo film più amaro malinconico e struggente: La Casa del Sorriso.
Un film tagliente e polemico che affonda il pugnale contro i pregiudizi che si scatenano sulla storia d'amore tra due persone anziane, che alloggiano in una casa di riposo, abbandonati dai parenti che non possono occuparsi di loro in quanto troppo impegnati con le loro vite.

Un opera amara ma allo stesso tempo sagace e crudele contro la superficialità delle persone - in questo caso figli, nuore, generi e via dicendo - che preferiscono pagare le case di riposo piuttostso che occuparsi di loro.
Così sono i due protagonisti, Andrea e Adelina, che si incontrano al bar in cui scatta il colpo di fulmine, lui è sposato con una donna che ormai sta a letto, ma non ha perso l'entusiasmo e gli ormoni per le belle donne.
Nonostante l'ardore provato i due vecchietti, come novelli romeo e giulietta arzilli, devono fare i conti con gli infermieri che sono decisi a contrastarli in tutti i modi, con il loro egoismo per farli smettere di scopare...eh si, avete sentito bene, i vecchietti ci danno dentro, e questo causa sgomento nella comunità di anziani presso la quale alloggiano.

La negazione dell'amore tra due persone anziane, e la superfcialità dei giovani che credono sia ridicolo che due anziani provano pulsioni, sentimenti, ormai sono soltanto vecchi per loro, e devono stare buoni e in silenzio accettando la loro età di malati a cui non è permesso avere sentimenti e emozioni.
Ancora una volta Marco Ferreri scava a fondo dei sentimenti, sputanto al mondo dei giovani a cui è concesso tutto un amore vero, sincero tra due persone anziane, facendoci capire che i ridicoli sono proprio i giovani a cui molte volte è concesso di tutto e di più tanto loro sono giovani, mentre i vecchi devono capire che non è concesso niente, hanno già dato, hanno un piede nella fossa quindi è inutile esprimere ardori e sentimenti...ma dove sta scritto?
Un opera asciutta, polemica e senza fronzoli diretta da un sempre più sorprendente Marco Ferreri, che anche questa vola si conferma un grande regista.
Promosso a pieni voti.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.