Passa ai contenuti principali

Mercy

Ed ecco la seconda recensione oggi, si tratta di  un horror, horror che mi è particolarmente piaciuto.
Spesso gli horror sono sottili, psicologici, non hanno bisogno di mostrare litri e litri di sangue ma sono capaci di impressionare attraverso le scene e la tensione che si crea scena dopo scena: di questa categoria fa parte Mercy tratto dal racconto La Nonna della raccolta Scheletri.

All'inizio non sapevo cosa aspettarmi sinceramente, poi piano piano, la storia ha cominciato a coinvolgermi, e istintamente ho voluto proseguire nella storia.
Diciamolo è una storia che non è scontata, costruita su una solida base capace di costruire una alchimia sia tra i protagonisti, che con il pubblico, chi di voi non si è riconosciuto nel bambino attaccato alla nonna alzi la mano, ed è proprio l'alchimia affettiva al centro di questo film.
Film che per altro è concentrato oltre che dagli affetti anche dalla famiglia, dal quel nucleo affettivo che ognuno di noi si costruisce intorno.

La domanda principale del film è, fin dove siamo disposti a spingerci per ottenere una famiglia? Fino a dove siamo disposti ad arrivare per avere dei figli?
Cosa assolutamente legittime per ogni essere umano, Mercy si concentra su una scelta terrificante fatta in gioventù pur di diventare madre, scelta che ha portato alla morte il marito come conseguenza, e che si presenterà a chiederne il prezzo una volta diventata anziana.
Mai giocare col fuoco, soprattutto se questo rappresenta il male, e che può portarti a morte certa se non sei capace di domarlo, ma non tutto il male viene per nuocere per fortuna, c'è il nipote che diviene fuoco catalizzatore tra la nonna e le misteriose forze maligne che la perseguitano, riuscirà a sconfiggerle e a salvare sua nonna? Oppure verrà messo di fronte a una scelta come è successo a sua nonna?
Da vedere assolutamente.
Voto: 7


Commenti

  1. E io come sempre lo segno nella lista, e piacendomi spesso l'horror, lo metto nei da vedere perchè sai quanto mi fidi del tuo gusto e delle tue scelte oculate..
    Una buona serata! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che tu ti fidi delle mie scelte e del mio gusto, mi fa molto piacere ^_^ guardalo e poi mi dici se ti piace ;)

      Elimina
  2. Mi sa che abbiamo visto due film diversi... l'ho trovato particolarmente abominevole, scontato e malfatto, una terribile banalizzazione dell'opera di King, zeppa di filler ridicoli per aumentare il metraggio.
    Leggiti il racconto e preparati a cambiare il voto finale, vah! :P

    RispondiElimina
  3. E' stato tanto bastonato, altrove, ma a me non è dispiaciuto troppo.
    E' un piccolo film per l'homevideo, infondo, e il grande Re è stato trattato spesso peggio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.