Passa ai contenuti principali

L'ultimo Imperatore

Film epocale, che ha segnato una svolta nella carriera del regista Bernardo Bertolucci, racconta la biografia di Aisin Gioro Pu Yi ultimo imperatore della cina, nato figlio del sole e morto giardiniere.
Il film è tratto dalla autobiografia che lo stesso Pu Yi ha scritto, intitolata Sono Stato Imperatore.
Vincitore di 9 premi oscar e 9 David di Donatello, è un film colossale, ambientato in cina e girato dentro la città proibita, ed è stata la prima volta che a una troupe cinematografica è consentito di girare un film dentro quelle mura.

E' senza dubbio uno dei capolavori del regista Parmese, che è stato capace di imporlo all'attenzione internazionale, cominciando una carriera che lo ha visto dirigere i più importanti attori internazionali del mondo.
Di solito i film biografici hanno dei difetti evidenti, che li privano dell'immedesimazione con il pubblico; questo invece riesce nell'intento di creare una drammaticità che ne carpisce la psicologia di un bambino, divenuto imperatore a soli tre anni, e cresciuto dentro a delle mura.
Non potendo uscire dalla città proibita, non poteva assolutamente vivere come tutti gli altri bambini, fino al giorno in cui un uomo, il suo istruttore, non comincia a fargli lezioni.
Allora egli vuole esplorare il mondo oltre quelle mura, e quando lo fa, si accorge di aver vissuto nella bambagia, rispetto al popolo del suo paese, quello stesso paese che lui governa.

Film immenso, da vedere  e rivedere, per conoscere la storia di un popolo, costretto dopo l'attacco dei comunisti a una delle più barbare dittature, capaci di far decadere dal trono lo stesso imperatore.
Il film comincia con la cospirazione di alcuni potenti che ha portato alla morte il padre di Pu Yi, cospirazione che ha portato una cieca ambizione e molto potere, dopo la morte del re si deve incoronare un altro imperatore, e l'erede al trono è Pu Yi che ha solo tre anni.
Poi piano piano la storia assume connotati di  un opera epica colossale, capace di avere una forza immensa unica, che nonostante siano passati 28 anni suonati dalla sua uscita, quella stessa forza è rimasta intatta.
Un grande grandissimo film, capace di andare in fondo nella storia di un popolo e soprattutto di una nazione.
Imperdibile.
Voto: 9




Commenti

  1. Hai detto tutto. un vero e proprio capolavoro. E lo dico io, che i biopic non li amo molto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.