Passa ai contenuti principali

L'ultimo Imperatore

Film epocale, che ha segnato una svolta nella carriera del regista Bernardo Bertolucci, racconta la biografia di Aisin Gioro Pu Yi ultimo imperatore della cina, nato figlio del sole e morto giardiniere.
Il film è tratto dalla autobiografia che lo stesso Pu Yi ha scritto, intitolata Sono Stato Imperatore.
Vincitore di 9 premi oscar e 9 David di Donatello, è un film colossale, ambientato in cina e girato dentro la città proibita, ed è stata la prima volta che a una troupe cinematografica è consentito di girare un film dentro quelle mura.

E' senza dubbio uno dei capolavori del regista Parmese, che è stato capace di imporlo all'attenzione internazionale, cominciando una carriera che lo ha visto dirigere i più importanti attori internazionali del mondo.
Di solito i film biografici hanno dei difetti evidenti, che li privano dell'immedesimazione con il pubblico; questo invece riesce nell'intento di creare una drammaticità che ne carpisce la psicologia di un bambino, divenuto imperatore a soli tre anni, e cresciuto dentro a delle mura.
Non potendo uscire dalla città proibita, non poteva assolutamente vivere come tutti gli altri bambini, fino al giorno in cui un uomo, il suo istruttore, non comincia a fargli lezioni.
Allora egli vuole esplorare il mondo oltre quelle mura, e quando lo fa, si accorge di aver vissuto nella bambagia, rispetto al popolo del suo paese, quello stesso paese che lui governa.

Film immenso, da vedere  e rivedere, per conoscere la storia di un popolo, costretto dopo l'attacco dei comunisti a una delle più barbare dittature, capaci di far decadere dal trono lo stesso imperatore.
Il film comincia con la cospirazione di alcuni potenti che ha portato alla morte il padre di Pu Yi, cospirazione che ha portato una cieca ambizione e molto potere, dopo la morte del re si deve incoronare un altro imperatore, e l'erede al trono è Pu Yi che ha solo tre anni.
Poi piano piano la storia assume connotati di  un opera epica colossale, capace di avere una forza immensa unica, che nonostante siano passati 28 anni suonati dalla sua uscita, quella stessa forza è rimasta intatta.
Un grande grandissimo film, capace di andare in fondo nella storia di un popolo e soprattutto di una nazione.
Imperdibile.
Voto: 9




Commenti

  1. Hai detto tutto. un vero e proprio capolavoro. E lo dico io, che i biopic non li amo molto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.