Passa ai contenuti principali

Fast and Furious 7

Ed eccocci alla puntata finale di un franchise che si è rivelato vincente, fino a che c'è stata la banda Toretto al timone; soprattutto con il suo ritorno nella serie.
Puntata finale perchè è quella che da l'addio a un attore fondamentale: Paul Walker.



Capitolo commovente soprattutto nel finale, ricco d'azione, ironia, e tantissimi momenti cult. Vi pare poco? No, non lo è parola di Arwen Lynch.
Sui seguiti si potrebbe dire di tutto e di più, che non sono all'altezza degli originali, che sono poco curati e sono fatti per incassare, questo qui invece pur essendo una tamarrata - nel senso buono del termine per carità - dimostra di avere una spina dorsale piuttosto salda.
Il merito sta nella regia, nella scrittura dello script e soprattutto nella recitazione degli attori.
Condivido in pieno il parere positivo dell'amico James Ford per quanto riguarda questo film, che è piaciuto pure a me e mi ha fatto stare due orette incatenata alla poltrona, cosa rara per i blockbuster di questi tempi.
Il film è ben curato e diretto magistralmente da un regista che di solito fa film horror, ma che con una pellicola d'azione dimostra di essere un fuoriclasse, segno di versatilità, che al giorno d'oggi nel cinema è cosa più unica che rara.
Qualcuno dice che non sarà il capitolo conclusivo, comunque sia per me è consigliatissimo.
Non solo cinema da popcorn, ma cura nei particolari, nello script, nello sviluppo dei personaggi e nei sentimenti che vivono dentro di loro...vi pare poco? A me decisamente no.
Sarebbero tutti così i film d'azione avremmo salvato l'industria del cinema dai troppi giocattoloni vuoti e senz'anima che girano per le sale in questi anni.
Fortunatamente ci sono le eccezioni...e meno male direi.
ci sono parecchie scene cult, voi quale preferite? La lotta iniziale di the rock col cattivo che vuole vendicarsi dei toretto? la lotta tra toretto e il cattivo con le mazze? Ce ne sono parecchie anche sorprendenti, e questa famiglia, che da ben più di un decennio ha conquistato gli spettatori di tutto il mondo mi è entrata nel cuore; nonostante le loro azioni all'inizio erano discutibili, è una famiglia e come tale viene presentata.
Chi non si riconosce nella famiglia? Infondo è questo il tema portante di questo franchise che bene o male ha conquistato tutti quanti, c'è chi ci è cresciuto e mi piacerebbe pensare che il viaggio dei Toretto potesse continuare anche senza Paul Walker, perchè sebbene sia una tristezza non averlo nel franchise visto la sua dipartita, l'avventura non può certamente finire così...il mio voto è comunque alto.
Voto: 8



Commenti

  1. Concordo con il voto, un film spassoso che ormai è uscito dalla sua nicchia, e ha conquistato i box office. Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.