Passa ai contenuti principali

Mother

Bong Joon-ho è un portento, no davvero perchè se con The Host ha fatto il film di mostri più bello della storia del cinema, con Mother ha diretto il suo primo capolavoro, lo devo dire, mette i brividi, e soprattutto commuove.
Si quella madre che per salvare il figlio da una falsa accusa di un omicidio si mette a fare il lavoro che dovrebbe fare la polizia, e quanto amore dimostra per la sua creatura, è un film da far vedere a tutte le madri del mondo, anche per dimostrare fin dove arriva quella madre per l'unica persona che veramente ama, un figlio ritardato, che è l'unica cosa che possiede, e che per lui mostra un amore che va aldilà di tutti i limiti possibili e inimmaginabili.
Bong Joon-ho dimostra di saper toccare il cuore degli spettatori sapendo giocare a carte scoperte, senza falsi sentimentalismi o facili lacrime, perchè quelle che regala lui sono lacrime laceranti, lacrime che ti spezzano il cuore, che è difficile dimenticare.
Con la morte di quella ragazza è stata spezzata una vita, ma due vite sono pronte a combattere con le unghie e con i denti perchè venga alla luce la verità, ma soprattutto c'è una madre, una donna, che lotta contro tutto e tutti per mettere in luce la verità e salvare suo figlio dalla prigione, perchè non sopravviverebbe, non si arrende nemmeno quando suo figlio la allontana avendo saputo che voleva abortire, non si arrende di fronte a niente, questo è l'amore di una madre per il proprio figlio, Bong è in grado di evidenziarlo con tutto se stesso dirigendo un opera bellissima e commovente, che tutti e dico TUTTI QUANTI dovrebbero vedere e collezionare, bravissimi tutti gli attori, soprattutto l'attrice che interpreta la madre del ragazzo ingiustamente accusato, mi ha colpito la sua caparbietà nel dimostrare a tutti l'innocenza di suo figlio, e colpisce anche l'irritante superficialità della polizia nel risolvere tutto con la soluzione più "facile" invece di fare serie indagini, tanto il ragazzo è ritardato, quindi prende anche lo spunto dell'intolleranza verso persone non sane di mente, anche perchè era una pedina facile per metterci una pietra sopra.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. che ti diqui? eheh... :)
    mi ha fatto piacere ovviamente quello che hai scritto

    RispondiElimina
  2. The host e Memories of murder mi hanno fatto impazzire entrambi.
    Questo ce l'ho lì da un pò.
    Mi sa tanto che dovrò accorciare i tempi e decidermi finalmente a vederlo.

    RispondiElimina
  3. si veditelo, io vedrò memories of a murder e così colmiamo questa lacuna ;)

    RispondiElimina
  4. questo è da troppo tempo che voglio vederlo! per intenderci dall'ultima edizione de l Korea Film Festival..

    RispondiElimina
  5. e allora vedilo perchè questo film non è solo stupendo, è un capolavoro :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.