Passa ai contenuti principali

Little Children

Todd Field dirige il suo secondo film - purtroppo da noi ancora inedito - narrando la storia di due famiglie, due coppie, che in un certo senso il loro mondo risulta ristretto, e cercano una via di fuga, La prima coppia è formata da Sarah e Richard, lei è una moglie infelice che cresce la figlia sempre in casa, ogni tanto la fa uscire per andare al parco, lui è un marito che passa il suo tempo libero e non davanti a siti porno a masturbarsi, la seconda coppia è formata da Brad e Katy, lui è disoccupato e fa il mammo in casa badando al bambino, deve fare l'esame per diventare avvocato un altra volta, mentre la moglie è la classica donna in carriera che è sempre assente in casa il cui unico pensiero è lavorare, lavorare, lavorare.
Dopo In The Bedroom Todd Field scrive un altro ritratto della famiglia americana come se fosse un romanzo, in quella piccola cittadina del Connecticut, dove tutto in apparenza è pulito e ordinato si consumano le vite di queste due coppie, il film è incentrato su una possibile via di fuga dalla realtà, come succede a Sarah che per sfuggire alla sua vita opprimente intreccia una relazione con Brad, quasi per caso, ma mentre lei vorrebbe un rapporto vero, che veramente le dia uno scossone alla sua monotona vita, per lui è solo la via di fuga dalla consueta routine quotidiana, fatta di lavori domestici e di giochi con il figlio, in realtà è un rapporto che non arriverà MAI al compimento, per lui è la classica scappatella coniugale, in più mettiamoci anche che un pervertito esce di prigione scatenando il panico.
Todd Field descrive i protagonisti del suo film come dei bambini cresciuti, che ancora non hanno messo la testa apposto e cercano l'isola che non c'è e che non troveranno mai, come se la sindrome di Peter Pan renda questi adulti, incapaci di affrontare la realtà di  comunicare, e proprio questa mancanza di comunicazione che c'è sia con i rispettivi coniugi, che con la coppia clandestina alla fine non farà cambiare loro le carte in tavola, ma non è una semplice mancanza di comunicazione, è l'assoluta mancanza di maturità che i protagonisti dimostrano di avere, che li rende inespressivi, gli stessi amplessi tra Sarah e Brad, sono uno sfogo per uscire da una realtà, per trasgredire, che si allontanano da quello che è l'amore in realtà, il loro non è un rapporto d'amore, perchè un rapporto d'amore è prima di tutto un dare e un avere, comunicare, guardarsi negli occhi, questo, tutto questo non succede nè tra di loro nè con i rispettivi coniugi, è uno sfogo, un impulso. Bravissimi tutti gli interpreti, soprattutto Kate Winslet, la regia di Todd Field è presente e racconta senza essere ingombrante la sua storia.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.







Commenti

  1. ce l'ho! uno di questi giorni devo vederlo, poi Kate Winslet è una delle mie attrici preferite :)

    RispondiElimina
  2. è bravissima :) Benvenuto alla fabrica ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.