Passa ai contenuti principali

Inseparabili

Con inseparabili Cronenberg va verso la maturità registica,strizzando l'occhio alle sue precedenti pellicole come Brood La covata malefica di cui c'è la famosa scena dei gemelli uniti e Claire Niveau che cerca di spezzare il legame che ricorda molto quel film.
Inseparabili, che è tratto dal romanzo Twins scritto da Bari Woods, mette in scena il rapporto tra gemelli, che va aldilà dei comuni rapporti tra fratelli.
Elliot e Beverly Mantle, sono due stimati ginecologi, tra i più famosi luminari della scienza, vivono insieme, mangiano insieme, si dividono persino le donne, un giorno nella loro vita entra l'attrice Claire Niveau, che è venuta da loro perchè non riesce ad avere figli, i dottori le dicono che non può averne a causa di un utero triforcuto.
E' l'inizio di un triangolo amoroso che segnerà inevitabilmente la vita dei medici, se Elliot è il più sveglio, il più audace, il più spregiudicato, Beverly invece è il più fragile, il più sensibile dei due fratelli, come si nota esistono delle differenze anche tra gemelli con lo stesso volto e le stesse sembianze, ma il rapporto tra i fratelli è talmente forte che nemmeno Claire riuscirà a far si che Beverly abbia una sua vita al di fuori del rapporto con Elliot.
Se per Elliot, Claire è stata solo un esperienza per far si che il fratello si convinca a stare con lei, Beverly si innamora veramente di Claire, tanto che quando lei parte per girare un film comincia un decadimento e una discesa agli inferi che lo porterà nel più assurdo degrado psicologico, facendogli creare degli strani strumenti chirurgici ginecologici per donne mutanti, è famosa la scena in cui vuole usare quegli strumenti su una paziente che sta per essere operata.
David Cronenberg mette in scena un altra visione dei suoi consueti temi abituali, la mutazione fisica si fonda con la psicologia, che qui si esprime ai massimi livelli, spingendosi fino all'estremo, sono estreme le conseguenze del rapporto tra questi due gemelli, che, sono magistralmente interpretati da un Jeremy Irons, qui nella sua migliore interpretazione, un interpretazione da pelle d'oca direi, ma anche Cronenberg con una regia che definirei da manuale, fa in modo che lo spettatore sia attirato dal film dall'inizio alla fine.
Il film è un capolavoro, sotto ogni punto di vista, uno dei migliori di Cronenberg, che qui lavora per la prima volta con uno dei più grandi attori in circolazione ancora oggi Jeremy Irons, che mette in scena alla perfezione il suo doppio ruolo, e non è affatto facile incarnare due personalità per un solo film.
Un rapporto tra Elliot e Beverly, legato a doppio filo, uniti dalla nascita fino al decadimento che li porterà alla morte,  peraltro ispirato a un fatto realmente accaduto negli anni settanta, che poi è stato raccontato da Bari Woods come ho detto all'inizio della recensione.
CAPOLAVORO ASSOLUTO.


Commenti

  1. Un film fantastico, tra i miei preferiti della filmografia di Cronenberg.
    Irons strepitoso.

    RispondiElimina
  2. concordo Irons è straordinario in questo film :)

    RispondiElimina
  3. fantastico film! e va be'... non è un gran commento ma non è rimasto molto da dire :)

    RispondiElimina
  4. non preoccuparti roby, basta che sei presente è questo l'importante ;)

    RispondiElimina
  5. Un film incredibile. Irons assolutamente al meglio.

    RispondiElimina
  6. è vero :) Irons offre una interpretazione strepitosa, è formidabile come riesce ad incarnare due diverse personalità come fossero due facce della stessa medaglia :)

    RispondiElimina
  7. Aspetto la tua recensione su Il pasto nudo che è ancora più disturbato di questo....e disturbante...cmq ce ne fossero di cronenberg in giro

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.