Passa ai contenuti principali

Bad Timing - Il lenzuolo viola

Un film che mi ha sorpreso, avevo già visto di Roeg A Venezia, un dicembre rosso shocking e mi ha attirato, con Bad Timing, sale un gradino più in alto, è la storia di un amore selvaggio e passionale tra due persone, che sono diversissime tra loro, come il giorno e la notte, ma che in un certo senso sono attratte l'una dall'altro, in maniere irreversibile, Milena è solare, aperta, invece Alex è introverso, rinchiuso nel suo piccolo mondo, si incontrano una sera ed è subito attrazione, ma un attrazione che porterà Milena sull'orlo del suicidio, e come dice una famosa canzone gli opposti si attraggono, ma più la loro attrazione è forte, più aumenta la paura di Alex verso Milena, il sospetto, il suo non avere fiducia in lei, la fa pedinare, cerca notizie che la riguardano, Milena invece la vive più serenamente la storia pur cominciando a sospettare che Alex nasconda o sappia qualcosa su di lei e sul suo presunto marito russo, e il loro rapporto comincia a deteriorarsi...
Un film che mette il luce il lato oscuro dell'amore, interpretato magistralmente da una bravissima Theresa Russell, attrice che non lavora molto spesso, ma quando lo fa riesce ad essere incredibile e da un Art Garfunkel che è altrettanto bravo, da non sottovalutare il bravissimo Harvey Keytel, nel ruolo del detective che sta sulle corde ad Alex per scoprire se in realtà il suicidio è un omicidio mascherato, un piccolo giallo sentimentale che sicuramente riuscirà laddove tanti piccoli film d'amore sanno solo strappare lacrime ma non colpiscono al cuore, e sottolinea quanto siamo brave noi donne a dare fiducia ad un uomo perchè affascina ma invece di osservare e di capire quell'uomo ci facciamo prendere dalla passione negando noi stesse.
Un piccolo grande film assolutamente da non perdere.



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.