Passa ai contenuti principali

Bad Timing - Il lenzuolo viola

Un film che mi ha sorpreso, avevo già visto di Roeg A Venezia, un dicembre rosso shocking e mi ha attirato, con Bad Timing, sale un gradino più in alto, è la storia di un amore selvaggio e passionale tra due persone, che sono diversissime tra loro, come il giorno e la notte, ma che in un certo senso sono attratte l'una dall'altro, in maniere irreversibile, Milena è solare, aperta, invece Alex è introverso, rinchiuso nel suo piccolo mondo, si incontrano una sera ed è subito attrazione, ma un attrazione che porterà Milena sull'orlo del suicidio, e come dice una famosa canzone gli opposti si attraggono, ma più la loro attrazione è forte, più aumenta la paura di Alex verso Milena, il sospetto, il suo non avere fiducia in lei, la fa pedinare, cerca notizie che la riguardano, Milena invece la vive più serenamente la storia pur cominciando a sospettare che Alex nasconda o sappia qualcosa su di lei e sul suo presunto marito russo, e il loro rapporto comincia a deteriorarsi...
Un film che mette il luce il lato oscuro dell'amore, interpretato magistralmente da una bravissima Theresa Russell, attrice che non lavora molto spesso, ma quando lo fa riesce ad essere incredibile e da un Art Garfunkel che è altrettanto bravo, da non sottovalutare il bravissimo Harvey Keytel, nel ruolo del detective che sta sulle corde ad Alex per scoprire se in realtà il suicidio è un omicidio mascherato, un piccolo giallo sentimentale che sicuramente riuscirà laddove tanti piccoli film d'amore sanno solo strappare lacrime ma non colpiscono al cuore, e sottolinea quanto siamo brave noi donne a dare fiducia ad un uomo perchè affascina ma invece di osservare e di capire quell'uomo ci facciamo prendere dalla passione negando noi stesse.
Un piccolo grande film assolutamente da non perdere.



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.