Passa ai contenuti principali

A History of Violence

David Cronenberg dirige un opera amara, asciutta facendo a pezzi il sogno americano, chi è Tom Stall, l'uomo che ha ucciso con la precisione chirurgica da manuale i malviventi nel suo piccolo ristorantino per famiglie?
Tutti conoscono Tom, il bravo ragazzo, il buon padre di famiglia, e tutti credono sia un eroe, ma Tom ha una bella moglie, una bella vita, due ragazzi, sembra il quadretto della tipica famiglia americana perfetta, ma qualcosa non quadra, cosa nasconde realmente Tom.
In un crescendo di tensione Cronenberg dirige a History of Violence come una lenta ma inesorabile ballata di morte, in cui tutti ne vengono risucchiati, persino il  figlio di Tom, una devastazione di violenza, che cambierà per sempre le vite della sua famiglia.
E' una discesa agli inferi che porterà Tom dato l'enorme pubblicità mediatica (questa è una critica verso i media ardita da Cronenberg stesso) che è esplosa grazie al suo gesto, si vede entrare un giorno degli strani tipi, poco raccomandabili, che lo conoscono bene e che sanno chi è realmente, ma non è Tom il suo vero nome, il suo vero nome è Joey, ed è famoso come un killer, qui ora tutto quadra e nonostante lui continui a negare di essere questo Joey, le cose precipitano quando questi brutti ceppi si presentano a casa sua minacciando di uccidergli il figlio se non li segue, lui accetta di seguirli ma qualcosa va storto, quei tizi lo vogliono eliminare, e sarà proprio suo figlio ad imbracciare il fucile ed uccidere il tipo con l'occhio monco, perchè tutti gli altri li ha uccisi lui. E' un esplosione di violenza che devasta totalmente la vita di questa tranquilla famiglia che non è abituata a questo orrore, si cominciano a deteriorare i rapporti tra marito e moglie, il ragazzo a scuola picchia a sangue un compagno, è una spirale senza via d'uscita, che porterà Tom a scontrarsi con il vero fratello che tenterà di ucciderlo, sarà un bagno di sangue che gli darà il modo di finire questa storia e salvarsi la pelle.
David Cronenberg dirige un film lucido, spietato, che non lascia spazio a lacrime e facili sentimentalismi, no, dirige un film duro il cui unico scopo è dire allo spettatore che la violenza, tutta la violenza può esplodere senza che nemmeno te ne rendi conto, e che bisogna conoscere affondo le persone con cui viviamo, mi viene in mente l'ultima scena del film, agghiacciante, che non vi dico ma che comunque ne rimmarrete impressionati anche voi. Bravissimi tutti gli attori, Viggo Mortensen in testa che da questo film inizierà una collaborazione assidua con il regista canadese, dal canto suo Cronenberg regala una regia asciutta, che non va tanto per il sottile, muovendo la sua mdp spesso sulle persone colpite dai proiettili come per darle in pasto al pubblico, ma la cosa non è mai fine a se stessa, ma è una critica a questa violenta che frantuma definitivamente il sogno americano. Film tratto dalla graphic novel di John Vagner e illustrato da Vince Locke.
CAPOLAVORO.



Commenti

  1. Non ci sono altre parole da aggiungere.
    Un Capolavoro.

    RispondiElimina
  2. eh già, è un grandissimo film :)

    RispondiElimina
  3. Lo devo ancora vedere, quando provo a vederlo qualcuno magicamente mi interrompe, ho sentito solo cose belle, quindi non vedo l'ora che sia il mio prossimo film.

    RispondiElimina
  4. grandissimo film!
    incredibilmente è più bello il film del fumetto... vabbè ma qui parliamo di cronenberg :D

    RispondiElimina
  5. Leggendario punto! Una goduria ogni volta che lo si vede...

    RispondiElimina
  6. Un film splendido, un vero capolavoro.
    E la graphic novel è altrettanto intensa, come raramente succede per un fumetto.

    RispondiElimina
  7. meraviglia assoluta!! e complimenti x il blog!

    RispondiElimina
  8. grazie benvenuta alla fabrica ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.