Passa ai contenuti principali

Cuore Selvaggio

Scandaloso, provocatorio, innovativo, David Lynch dirige un film in cui l'elemento onirico, si scontra con l'elemento reale, in un esplosione di follia piuttosto lontana rispetto a capolavori come Mulholland Drive e Strade Perdute, ma che rispecchia l'anello di congiunzione che segnerà la sua cinematografia a partire dagli anni novanta.
Protagonisti Laura Dern (attrice feticcio di Lynch) e Nicolas Cage (quando ancora non aveva vinto l'oscar e faceva SI film d'autore) mischiando fiaba e violenza, personaggi che sembrano usciti da il mago di Oz a esplosioni di violenza che sembra che siano fini a se stessi, ma non è affatto così, Lynch si diverte a provocare il pubblico, in un intreccio di Pulp, e sangue a litri che sarà ripreso da Tarantino nella sua cinematografia creando un fenomeno di costume.
Al contrario di Tarantino, Lynch si limita a raccontare la storia cos'ì com'è, nuda e cruda, facendo delle scene violente, una scusa per provocare il pubblico e divertirsi, più che creare un fenomeno di costume come succederà a Tarantino.
Anche se, non è un film per tutti, in molti non lo ameranno anche per il gusto di alcune scene parecchio violente, come la scena dell incidente, oppure la scena iniziale dell'omicidio in cui Cage spappola la testa a un detective che ha tentato di ucciderlo davanti a tutti.
Vincitore - fischiatissimo - nell'edizione del festival di Cannes del 1990,  fortemente voluto da Bertolucci che di questo film ne ammirò la forza delle immagini oggi è un autentico cult movie per appassionati di cinema, certo non è il migliore film di David Lynch, almeno non per me, ma resta comunque una delle sue pellicole più riuscite e trasgressive che ha diretto.
La Trama vede una madre che si accanisce con tutte le sue forze purchè la figlia Lula, non stia con Sailor Ripley, e il motivo di questo accanimento è il perchè Sailor era autista di Marcelo Santos, amante della madre della ragazza, una notte ha accompagnato Santos proprio nella casa della ragazza e il motivo era perchè dovevano uccidere il padre.
La cosa che colpisce è l'intreccio favolistico mischiato con le scene di violenza per sottolineare che infondo i personaggi che vediamo forse hanno qualche rotella fuori posto, e che i nostri protagonisti, Lula e Sailor, siano in realtà degli ingenui, che camminano attraverso le strade, e nel mondo solo per il loro amore, ma tutto attorno a loro è selvaggio, e lo spettatore deve essere selvaggio, deve immergersi anche lui in quel mondo e magari diventare selvaggio pure lui.
In conclusione un piccolo cult da collezionare, anche per conoscere uno degli autori più sensazionali e incredibili del novecento.






Commenti

  1. giochi in casa con questo eh! :)
    un linch che mi manca ancora

    RispondiElimina
  2. eh si comunque è Lynch, per me è un cult movie che non deve mancare in una collezione che si rispetti ^^

    RispondiElimina
  3. un filmone senza ombra di dubbio e un cult assoluto. per me resta il miglior lynch!

    RispondiElimina
  4. io preferisco strade perdute Mulholland Drive e Inland Empire, questo resta comunque un grandissimo film uno dei primi che ho visto :)

    RispondiElimina
  5. questo manca anche a me.. lo recupero al più presto!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.