Passa ai contenuti principali

La Ragazza sul Ponte

Un film magico, sensuale, che ricorda piuttosto alla lontana Fellini e il suo capolavoro la Strada.
E' una storia d'amore, un amore mai espresso fino infondo, un amore sofferto, fatto di silenzi, di attese, che culmina nell'esibizione del lancio di  coltelli, dove possono esprimere dolore, pericolo, passione, erotismo, tutto, quel lancio di coltelli, e l'esaltazione del loro amore, espressione di dolore per un sentimento che non viene mai a galla fino  in fondo, ma che si lascia trasparire nelle piccole gioie e dolori quotidiani, aaah i francesi, quando si mettono a fare cinema certe volte fanno delle piccole grandi perle come appunto questo film, il delizioso la ragazza sul ponte.
Non c'è che dire Vanessa Paradis, (adèle) la francesina conosciuta in italia per l'hit single Joe Le Taxi e ora moglie di Johnny Depp, raggiunge la maturità artistica di attrice con questo film, e che dire è molto ma molto brava, riesce ad esprimere con poche cose il dolore, la rabbia, il sentimento  per Daniel Auteuil (Gabor), ed è così naturale che viene da pensare che non stia recitando, ma sta vivendo quella storia, per quanto riguarda Gabor, è un personaggio ruvido di per se, ma che ha cuore e salva Adèle quando tenta il suicidio gettandosi dal ponte, e le fa una proposta, se accetta di fare da bersaglio, così partono attraverso la francia e passando anche per l'italia.
Un film bellissimo, girato in uno splendido bianco e nero che lascia una malinconia e colpisce, come i famosi film vecchi che vedi per scaldarti il cuore, i nostri eroi spinti da un desiderio sadomasochistico, e un sentimento di amore e di odio vanno avanti come due compagni che hanno trovato l'altra metà della mela.
La regia di Patrice Leconte è decisa, ferma, e soprattutto puntata per colpire nel profondo, non perde mai di vista i personaggi e la storia, e i due attori protagonisti sono talmente bravi da farsi dirigere come se Leconte fosse un direttore d'orchestra e loro i musicisti più bravi.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Un film bellissimo. Sicuramente il mio preferito fra i pochi che ho visto di Leconte.

    RispondiElimina
  2. si è molto bello, la scelta del bianco e nero da al film l'atmosfera magica e malinconica di vecchie pellicole :)

    RispondiElimina
  3. Mi sono sempre ripromessa di vederlo ed ancora non l'ho fatto, ho amato Leconte nel " il marito della parrucchiera" e credo che anche questo mi piacerà tantissimo.
    Ciao mi sono aggiunta ai tuoi lettori.
    Alla prossima.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.