Passa ai contenuti principali

I Guardiani del Destino

Tratto da un racconto di Philip K Dick, David si innamora di Elise, ma chissà perchè ogni volta che si incontrano, qualcuno si avvicina alloro e li allontana, David insospettito, cerca di capire cosa stia succedendo, ma soprattutto perchè non riesce mai a stare con Elise la ragazza di cui si è innamorato dopo averla incontrata in un bagno a teatro.
Nel mondo esistono dei guardiani del destino, persone che in un modo o nell'altro sanno che il destino di una determinata persona è già scritto, e intendono correggere se ci sono delle minacce che potrebbero cambiare il destino degli umani, beh sembra che gli umani in un futuro remoto dimentichino il libero arbitrio, e si fanno comandare da un certo grande fratello in cui tutto è stabilito e non si accettano cambiamenti, ma chi può dirlo?
Nel grande disegno nulla è prestabilito, e David farà di tutto per insegnare questo messaggio ai guardiani.
Mischiare il romanticismo con la fantascienza può essere rischioso, ma Nolfi dirige un film che colpisce, soprattutto grazie alla bravura di Matt Damon e Emily Blunt.
Il film non è un capolavoro, ma resta comunque un ottimo prodotto di intrattenimento che si allontana dal solito blockbuster, e tocca temi universali, quali, l'amore, il libero arbitrio, capaci di entrare in simpatia con il pubblico, Ma Nolfi, si affida troppo alla star piuttosto che esporsi in prima persona, forse lo fa per far si che la pellicola abbia un potenziale ai botteghini, peccato trascurando il fatto che se si fosse esposto magari la pellicola ne avrebbe guadagnato, resta comunque un film d'attori, ad alto livello rispetto a film da botteghino fracassoni stile Michael Bay.
Il romanticismo e un mistero da risolvere, ricco di colpi di scena e che catturano lo spettatore, andiamo non è male il film, ve lo consiglio, soprattutto alle ragazze che sono in vena di romanticherie, o anche di qualcosa di diverso rispetto ai soliti film lacrimosi.
APPETITOSO.

Commenti

  1. Adoro Emily Blunt *__*
    mi sono segnata il titolo, mi era sfuggito :P

    RispondiElimina
  2. si il film è carinissimo, guardatelo e poi mi dici se ti è piaciuto ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.