Passa ai contenuti principali

I Segreti della mente

Una chatroom, di solito è un luogo innoquo sulla quale incontrare persone per parlare o per fare amicizia, invece per alcune persone può rivelarsi un labirinto con cui fuori uscire completamente dalla realtà, la pensa così Hideo Nakata, con il suo nuovo film americano, che è piuttosto convenzionale, e rispetto a Ringu film che gli ha dato l'attenzione internazionale e la conseguente fama (due remake della serie interpretati da Naomi Watts), è solo un innoquo filmetto che non da nessun brivido, all'infuori di quello che accade ai protagonisti del film che di fatto trasformano il mondo virtuale in mondo reale, non è male come idea, di tensione ce ne è poca, apparte stare nell'attesa di capire cosa succede ai protagonisti, più che un horror è un film che critica il mondo dei nuovi adolescenti sempre attaccati al pc 24 ore su 24, allontanandosi sempre più dalla realtà, la trama è piuttosto semplice e per nulla scontata, un gruppo di ragazzi entra in una chatroom e parlano con uno sconosciuto raccontando i fatti loro, ma lo sconosciuto fa un gioco psicologico con loro che li conduce al suicidio, non ho fatto spoiler perchè il primo suicidio si vede pochi minuti dopo l'inizio, ma per capire l'andazzo devi stare al gioco, solo un ragazzo apre gli occhi e ritorna nel mondo reale ribellandosi al gioco, raccontata così la trama risulta accattivante, fattostà che questo non è un horror vero e proprio, non ci sono salti dalla sedia e via dicendo, risulta alquanto noioso, la regia di Nakata è piuttosto giù di tono, ecco che succede a raggiungere il successo, una volta toccato il suolo americano si perde la scintilla che vi ha fatti brillare, con Ringu era brillante e quello SI che faceva saltare dalla sedia, qui non c'è ritmo, anzi il ritmo comincia solo alla fine, quando si scoprono le carte da gioco e tutti  i nodi vengono al pettine, comunque sia apparte questo il film non è proprio da buttare, è un buon thriller con piccoli momenti di tensione che fa riflettere sull'invadenza della tecnologia.
Curioso.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.