Passa ai contenuti principali

Il signore degli anelli - Le due torri

Siamo nel secondo capitolo della trilogia di Talkien diretta da Peter Jackson, senza dubbio è il capitolo più oscuro, più dark, portare quell'anello è un peso al quale i nostri amici Frodo e Sam devono combattere contro un altro nemico, Gollum, chi è Gollum? Gollum è una creatura strana avvelenata dall'anello che ha scovato i nostri amici per portarglielo via, ma loro lo hanno sequestrato, dicendo che se li aiuterà ad andare a Mordor lo lasceranno libero, ma Gollum accetta con il solo scopo di portarli fuori strada, solo che loro questo non lo sanno.
In questo capitolo è Gollum la vera minaccia alla missione, un tempo era un hobbit che trovato l'anello se ne è lasciato soggiogare, l'anello lo ha avvelenato dandogli una lunga vita innaturale, trasformandolo in un piccolo demone...
Peter Jackson è bravissimo a sottolineare la natura schizzofrenica di Gollum, la sua doppia natura, il lato buono, che vuole aiutare sia Frodo che Sam, e il lato cattivo che li vorrebbe uccidere, tra Smeagol (il suo nome da Hobbitt) e Gollum c'è una lotta senza pari, una lotta di cui il fido Sam si accorge in prima persona, pur non dando mai fiducia a Gollum, accetta il fatto di portarlo con se e Frodo, ma la posta in gioco è talmente alta che Sam non ha scelta, come un segugio, osserva, controlla che tutto sia apposto, Frodo a sua volta vorrebbe aiutare Gollum a tornare Smeagol e a salvarlo dall'influsso malefico dell'anello, ma l'altra parte della compagnia si trova a fronteggiare guai ben più seri, Re Teoden è catatonico, non risponde più da mesi, forse da anni, ma è sotto l'influsso malefico di Vermilinguo, un servo di Saruman, e c'è anche un altro ritorno, un ritorno che sa di sorpresa e che garantirà la vittoria contro una battaglia epica, il ritorno di Gandalf, cosa è successo a Gandalf? Ha combattuto contro il demone nelle miniere di Moira e ha vinto la battaglia e non è più grigio, ma adesso è bianco, e ora tutte le creature della terra di mezzo devono fronteggiare una battaglia, la battaglia al fosso di Elm, la strada per distruggere l'anello si fa più dura, e apparentemente più lontana, ma nonostante ciò i nostri amici non si arrendono, non ancora.
Capitolo oscuro e inquietante, che aggiunge tensione, pericolo alla trilogia, è inutile rivangare sugli effetti speciali, perchè sono già di per se favolosi, c'è un unica frase che mi da i brividi ogni volta che vedo questo secondo capitolo "Il mio tesssoooorooooooo"
Bellissima la colonna sonora, come pure lo script, la regia di Jackson dona inquadrature entrate ormai nel mito, bellissima la battaglia del fosso di elm, ma quella che reputo più emozionante è quando Re Teoden piange il figlio morto con accanto Gandalf.
CAPOLAVORO.

Commenti

  1. Gandalf personaggio mitico!
    tutta la parte della foresta di Fangorn, con gli Ent, è una delle mie preferite!

    RispondiElimina
  2. si è bellissima a me piace il ritorno di Gandalf e la scena dell'esorcismo, poi la battaglia del fosso di elm è entrata nel mito per me :)

    RispondiElimina
  3. Dei tre film è sicuramente quello che mi è piaciuto di meno.
    Quella battaglia così epica a me ha fatto venire sonno, purtroppo!
    Gran bel film, comunque.

    RispondiElimina
  4. Confermo e sottoscrivo, CAPOLAVORO! Tutta l'opera di Peter Jackson!
    Però lo ammetto, preferisco leggermente il primo a tutti gli altri :)

    RispondiElimina
  5. beh considerando che questo è un capitolo di mezzo, direi che è grandioso, poi vabbè tutti i gusti sono gusti, per me rappresenta il capitolo che mi ha lasciata col fiato sospeso per quello che succede con gollum, che rischia di mandare al diavolo la missione, e c'è anche questo senso di panico incombente, poi certo ognuno la vede a modo suo, a me comunque è piaciuto lo stesso :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.