Passa ai contenuti principali

Il signore degli anelli - Le due torri

Siamo nel secondo capitolo della trilogia di Talkien diretta da Peter Jackson, senza dubbio è il capitolo più oscuro, più dark, portare quell'anello è un peso al quale i nostri amici Frodo e Sam devono combattere contro un altro nemico, Gollum, chi è Gollum? Gollum è una creatura strana avvelenata dall'anello che ha scovato i nostri amici per portarglielo via, ma loro lo hanno sequestrato, dicendo che se li aiuterà ad andare a Mordor lo lasceranno libero, ma Gollum accetta con il solo scopo di portarli fuori strada, solo che loro questo non lo sanno.
In questo capitolo è Gollum la vera minaccia alla missione, un tempo era un hobbit che trovato l'anello se ne è lasciato soggiogare, l'anello lo ha avvelenato dandogli una lunga vita innaturale, trasformandolo in un piccolo demone...
Peter Jackson è bravissimo a sottolineare la natura schizzofrenica di Gollum, la sua doppia natura, il lato buono, che vuole aiutare sia Frodo che Sam, e il lato cattivo che li vorrebbe uccidere, tra Smeagol (il suo nome da Hobbitt) e Gollum c'è una lotta senza pari, una lotta di cui il fido Sam si accorge in prima persona, pur non dando mai fiducia a Gollum, accetta il fatto di portarlo con se e Frodo, ma la posta in gioco è talmente alta che Sam non ha scelta, come un segugio, osserva, controlla che tutto sia apposto, Frodo a sua volta vorrebbe aiutare Gollum a tornare Smeagol e a salvarlo dall'influsso malefico dell'anello, ma l'altra parte della compagnia si trova a fronteggiare guai ben più seri, Re Teoden è catatonico, non risponde più da mesi, forse da anni, ma è sotto l'influsso malefico di Vermilinguo, un servo di Saruman, e c'è anche un altro ritorno, un ritorno che sa di sorpresa e che garantirà la vittoria contro una battaglia epica, il ritorno di Gandalf, cosa è successo a Gandalf? Ha combattuto contro il demone nelle miniere di Moira e ha vinto la battaglia e non è più grigio, ma adesso è bianco, e ora tutte le creature della terra di mezzo devono fronteggiare una battaglia, la battaglia al fosso di Elm, la strada per distruggere l'anello si fa più dura, e apparentemente più lontana, ma nonostante ciò i nostri amici non si arrendono, non ancora.
Capitolo oscuro e inquietante, che aggiunge tensione, pericolo alla trilogia, è inutile rivangare sugli effetti speciali, perchè sono già di per se favolosi, c'è un unica frase che mi da i brividi ogni volta che vedo questo secondo capitolo "Il mio tesssoooorooooooo"
Bellissima la colonna sonora, come pure lo script, la regia di Jackson dona inquadrature entrate ormai nel mito, bellissima la battaglia del fosso di elm, ma quella che reputo più emozionante è quando Re Teoden piange il figlio morto con accanto Gandalf.
CAPOLAVORO.

Commenti

  1. Gandalf personaggio mitico!
    tutta la parte della foresta di Fangorn, con gli Ent, è una delle mie preferite!

    RispondiElimina
  2. si è bellissima a me piace il ritorno di Gandalf e la scena dell'esorcismo, poi la battaglia del fosso di elm è entrata nel mito per me :)

    RispondiElimina
  3. Dei tre film è sicuramente quello che mi è piaciuto di meno.
    Quella battaglia così epica a me ha fatto venire sonno, purtroppo!
    Gran bel film, comunque.

    RispondiElimina
  4. Confermo e sottoscrivo, CAPOLAVORO! Tutta l'opera di Peter Jackson!
    Però lo ammetto, preferisco leggermente il primo a tutti gli altri :)

    RispondiElimina
  5. beh considerando che questo è un capitolo di mezzo, direi che è grandioso, poi vabbè tutti i gusti sono gusti, per me rappresenta il capitolo che mi ha lasciata col fiato sospeso per quello che succede con gollum, che rischia di mandare al diavolo la missione, e c'è anche questo senso di panico incombente, poi certo ognuno la vede a modo suo, a me comunque è piaciuto lo stesso :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.