Passa ai contenuti principali

Miracolo a Sant'anna

Se non conoscessi Spike Lee, direi che è il film di un regista confuso, ma avendo visto ormai tutta la filmografia direi che si tratta forse del suo peggior film, nemmeno con Bamboozled - che al contrario risultava una pellicola interessante e incompresa - è sceso talmente in basso.
Con Miracolo a Sant'anna sceglie di portare sullo schermo un fatto realmente accaduto raccontato in maniera romanzata, anzi fin troppo romanzata, da sfiorare la verosomiglianza, trovandosi completamente a disagio nel genere bellico, come se fosse un elefante in un negozio di ceramiche e cristallerie, il film è piuttosto lento, noioso, non coinvolge, a differenza delle altre pellicole dove è sempre stato brillante, non mancano i consueti - ma in questo caso inutili, per dio dobbiamo parlare di intolleranza razziale sui neri anche nel secondo conflitto mondiale? - richiami al razzismo, che sono inadeguati, se non a polemizzare ancora, non si parla MAI degli ebrei, gli ebrei dove sono? Non è che esiste solo il razzismo tra bianchi e neri, quelli li ha completamente dimenticati, o forse era troppo impegnato alla rilettura del romanzo, la regia apparte qualche inquadratura è stanca, Spike Lee forse ha voluto metter mano su una cosa che non sapeva o che non era ben informato sui fatti, e ne ha voluto fare la fiction, ma è stato un passo falso, certe volte meglio scegliere un film che ci rappresenti di più che fare un film che non ci tocca lo spirito, e dimenticare il popolo ebreo è stata una mancanza che in un film del genere non si doveva fare, certe volte durante la visione mi chiedevo, ma è un film di Spike Lee? Perchè sembra davvero una pellicola diretta da un dilettante e non da Spike Lee, che durante questa rassegna di sorprese me ne ha fatte tante, ma con questo film direi che ha fatto un passo falso, in sostanza, un film deludente - ovviamente da sottolineare che è vero che i neri hanno fatto la seconda guerra mondiale, ma dimenticare gli ebrei direi che è stata una svista secondo me abberrante - ma d'altronde l'aveva detto nei titoli di testa che il fatto era vero ma è narrato come un raccontino qualunque...peccato.
Restano comunque buone le interpretazioni dei nostri Pierfrancesco Favino, Valentina Cervi e Luigi Lo Cascio, che si portano una intera pellicola sul groppone e che soprattutto Lo Cascio con la scena finale lo fa risalire un po', ma questo non basta.
Da evitare.




Commenti

  1. Concordo pienamente, film brutto, lento e francamente inutile, specialmente se confrontato con opere come "La 25 ora" che rimane, a mio parere, il suo film migliore.

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo persino inside man è migliore, ma qui stiamo parlando forse del suo miglior film ovviamente parlo di inside man ^^

    RispondiElimina
  3. giusto, buon film anche quello...me l'ero completamente dimenticato...complimenti per il blog a proposito, se passi dalle mie parti sei la benvenuta...

    RispondiElimina
  4. ok grazie per i complimenti, che dici ci scambiamo anche di essere lettori fissi? Se lo vuoi comunque ^^ vengo a dare un occhiata :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.