Passa ai contenuti principali

Il Buongiorno del mattino

Il buon giorno del mattino è una gradevole commedia che si distanzia dalle solite confezionate commedie romantiche, che bene o male hanno tutte la stessa storia, zuccherose, caramellose e piene di buoni sentimenti.
Coadiuvato da un brillante cast, in cui spiccano una bravissima Rachel McAdams, che da sola vale la visione del film, e dalle vecchie volpi Diane keaton, che sembra la Mirande de Il diavolo veste prada, e da Harrison Ford.
Becky Fuller è appena stata licenziata, le serve un altro lavoro, e lo trova non dove vorrebbe lavorare lei, ma in una televisione locale, in cui ormai nessuno crede, sarà l'occasione per reinverdire la carriera di una vecchia volpe del giornalismo ormai ridotta ad una icona semidimenticata, Mike Pomeroy, l'occasione è Daybreak, una trasmissione mattutina che dovrà condurre con Coleen Peck, è inutile dire che la co-conduzione del programma sarà  conflittuale tra le due star del giornalismo, preoccupate solo di dover rubare la scena all'altro, ma è Becky che fa da arbitro tra i due affinchè il loro comportamento non mandi al diavolo sia la trasmissione che il suo lavoro.
E sarà anche un occasione per la bella Becky per dimostrare di che pasta è fatta, e magari di ottenere un altro impiego migliore nella tv in cui ha sempre sognato di lavorare, ci riuscirà?
Roger Mitchell, torna al cinema, con una commedia al vetriolo che ha tutte le carte in regola per far centro al primo colpo, ma è nell'interpretazione della semisconosciuta Rachel McAdams il pezzo forte del film, davvero deliziosa, nell'interpretare la sua Becky, in cui non perde mai il piglio professionale di chi vuole a tutti costi fare un ottimo lavoro e Rachel ci riesce alla grande, ma è anche un film che con una attrice più conosciuta non sarebbe stato credibile, invece anche con lei la coppia di attori funziona alla grande.
DA NON PERDERE




Commenti

  1. film piacevole
    interessante e nemmeno troppo scontata anche poi la riflessione sul giornalismo e la tv del mattino (che non è poi molto distante anche dalla nostra tv)

    RispondiElimina
  2. si concordo, è un film davvero carino, divertenti i siparietti di Diane Keaton e Harrison Ford, con la McAdams che fa da arbitro, è un espediente che da al film il tocco stuzzicante e che lo rende unico :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.