Passa ai contenuti principali

M Butterfly

David Cronenberg, lascia per una volta i suoi consueti temi, per affrontare il melò sentimentale, interpretato da un intensissimo Jeremy Irons, e dall'attore orientale John Lone, il tema trattato è l'ambiguità sessuale, con al centro l'opera lirica di Puccini Madama Butterfly, mentre fuori incalza la rivoluzione nella cina comunista degli anni sessanta.
Il film che inizia nel 1964 per finire nel 1968, racconta l'amore tormentato di Renèe Gallimard, per la cantante lirica cinese, Song Liling che è fin troppo compita e legata alle tradizioni cinesi, si incontrano la prima volta dopo aver assistito a teatro, a una rappresentazione della Madama Butterfly di Puccini, ed è subito attrazione.
Ma è un amore che lo porterà a scegliere di stare con lei, un amore bruciante, passionale, che lo mette davanti a un bivio, così sceglie di stare con lei, si incontrano spesso a casa sua, si accarezzano, si baciano, l'erotismo è appena accennato, sfuggente, lontano, ma più è lontano, più lui la desidera, è un rapporto intenso, fatto di sguardi, carezze, di una passione bruciante che porterà Gallimard a provare qualcosa che non aveva mai provato in vita sua, lascia sua moglie per stare con Song di cui ormai è perdutamente innamorato, ma la donna è in realtà una spia comunista cinese, che usa gli occidentali per avere informazioni, le cose precipitano quando Song ruba dei documenti a Renèe e testimonia contro di lui in tribunale, Renèe si accorge che non è una donna, ma un uomo, in un primo momento non riesce a credere ai suoi occhi, ciò che ha provato lo ha portato a compiere scelte che hanno modificato drasticamente la sua vita, il colpo al cuore, la delusione, il tradimento, che prova davanti a un inganno simile lo porteranno a perdere completamente la ragione...basta non dico altro, per non rovinarvi la sorpresa, dico soltanto che l'abilità  di Cronenberg per dirigere questo film è unita a una sensibilità tale che colpisce al cuore, tanto da rimanere indelebile nella memoria dello spettatore, e lo fa con una delicatezza tale da riuscire a creare empatia per i protagonisti, per il loro amore non ci sono pregiudizi, neanche quando ti trovi di fronte alla realtà dei fatti, ma solo compassione, solo tristezza, così David Cronenberg ribalta la storia di Madama Butterfly, perchè non è di certo lei Song ma la Madama Butterfly in questo caso M Butterfly non è altro che Renèe che trovandosi colpito al cuore, prova un grandissimo dolore, e solo un grande autore che ha il coraggio di confrontarsi con generi che generalmente non tocca ma che quando li prende riesce a donare tanta passionalità al pubblico come ha saputo fare David Cronenberg, riesce a portare sullo schermo questo piccolo ma grande film.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…