Passa ai contenuti principali

M Butterfly

David Cronenberg, lascia per una volta i suoi consueti temi, per affrontare il melò sentimentale, interpretato da un intensissimo Jeremy Irons, e dall'attore orientale John Lone, il tema trattato è l'ambiguità sessuale, con al centro l'opera lirica di Puccini Madama Butterfly, mentre fuori incalza la rivoluzione nella cina comunista degli anni sessanta.
Il film che inizia nel 1964 per finire nel 1968, racconta l'amore tormentato di Renèe Gallimard, per la cantante lirica cinese, Song Liling che è fin troppo compita e legata alle tradizioni cinesi, si incontrano la prima volta dopo aver assistito a teatro, a una rappresentazione della Madama Butterfly di Puccini, ed è subito attrazione.
Ma è un amore che lo porterà a scegliere di stare con lei, un amore bruciante, passionale, che lo mette davanti a un bivio, così sceglie di stare con lei, si incontrano spesso a casa sua, si accarezzano, si baciano, l'erotismo è appena accennato, sfuggente, lontano, ma più è lontano, più lui la desidera, è un rapporto intenso, fatto di sguardi, carezze, di una passione bruciante che porterà Gallimard a provare qualcosa che non aveva mai provato in vita sua, lascia sua moglie per stare con Song di cui ormai è perdutamente innamorato, ma la donna è in realtà una spia comunista cinese, che usa gli occidentali per avere informazioni, le cose precipitano quando Song ruba dei documenti a Renèe e testimonia contro di lui in tribunale, Renèe si accorge che non è una donna, ma un uomo, in un primo momento non riesce a credere ai suoi occhi, ciò che ha provato lo ha portato a compiere scelte che hanno modificato drasticamente la sua vita, il colpo al cuore, la delusione, il tradimento, che prova davanti a un inganno simile lo porteranno a perdere completamente la ragione...basta non dico altro, per non rovinarvi la sorpresa, dico soltanto che l'abilità  di Cronenberg per dirigere questo film è unita a una sensibilità tale che colpisce al cuore, tanto da rimanere indelebile nella memoria dello spettatore, e lo fa con una delicatezza tale da riuscire a creare empatia per i protagonisti, per il loro amore non ci sono pregiudizi, neanche quando ti trovi di fronte alla realtà dei fatti, ma solo compassione, solo tristezza, così David Cronenberg ribalta la storia di Madama Butterfly, perchè non è di certo lei Song ma la Madama Butterfly in questo caso M Butterfly non è altro che Renèe che trovandosi colpito al cuore, prova un grandissimo dolore, e solo un grande autore che ha il coraggio di confrontarsi con generi che generalmente non tocca ma che quando li prende riesce a donare tanta passionalità al pubblico come ha saputo fare David Cronenberg, riesce a portare sullo schermo questo piccolo ma grande film.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.