Passa ai contenuti principali

Contagion

Soderbergh torna al cinema e presenta un lungometraggio in cui un misterioso virus attacca gli esseri umani  e con un semplice tocco l'epidemia si espande a livello mondiale mietendo tante vittime.
Il cast è stellare, si va da Kate Winslet, Matt Damon, Marion Cotillard, Lawrence Fishburn, Gwyneth Paltrow, però manca davvero il pathos che rende la pellicola interessante oltre che appetibile.
L'inizio è travolgente, con la Paltrow che praticamente ti muore davanti e quando le devono fare l'autopsia la squartano per vedere le cause della morte, non si vede niente di eccezzionale per carità, nulla di turculento, ma il virus di per se che non sapremo mai come si chiama è più una metafora dei mali del mondo, che quando arrivano  l'uomo ne risulta impreparato e impotente, e deve lottare per salvarsi la pelle, così si va avanti anche per nascondere le reali cause di questa epidemia che miete vittime ovunque, fino al finale quando in poco tempo riescono a trovare un vaccino per salvare le vite.
Ora detto così il film suona un po' verosimile, come si fa a sapere qual'è la malattia e trovare SUBITO dico subito il vaccino? Sono anni che cercano vaccini a malattie che ci portiamo dietro nel groppone e che ancora non li hanno trovati. Dunque con questo film sembra che Soderbergh faccia il passo più lungo della sua gamba, nulla da ridire per le interpretazioni degli attori ingaggiati, tutti nomi altisonanti, ma questo non basta a rendere veritiero il film, che risulta una semplificazione, una messa in scena tutta giocata sulle metafore dei mali del mondo più che un virus vero e proprio, peccato una occasione mancata, da Soderbergh conoscendo i film che ha fatto ci si aspettava di più ma evidentemente questa volta era troppo occupato a scegliere il book degli attori da inserire nel suo film piuttosto che concentrarsi sul plot vero e proprio.
Se lo volete vedere vedetevelo, ma sappiate che è un film d'attori più che d'autore.



Commenti

  1. questo mi ha spaventato
    ben fatto
    inquietante!

    RispondiElimina
  2. si è inquietante, ma bastava forse qualcosa in più per renderlo più intrigante :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.