Passa ai contenuti principali

La Pelle Che Abito

Pedro Almodovar ritorna al cinema dopo gli abbracci spezzati, e questa volta dirige un film duro, e a mio parere che fa accapponare la pelle, protagonista un chirurgo interpretato da Antonio Banderas, qui al suo ritorno in una pellicola di Almodovar vent'anni dopo dal grottesco e divertente Legami, come dicevo poco fa un film duro, forse se paragonato a capolavori come Parla con Lei e Tutto su mia madre è qualitativamente minore, ma non per questo meno coinvolgente o meno appassionante dei due, è un buon film che sinceramente secondo il mio parere merita, merita tanto, per tanti motivi, primo fra tutti l'intensa interpretazione di Banderas, il suo chirurgo Robert Ledgrad, possiede quella lucida follia, capace di fargli fare qualsiasi cosa, come rapire lo stupratore della figlia, un maschio etero, e mettere in scena una vendetta terrificante, ovvero trasformarlo in una donna, non ho anticipato nulla dicendo questo.
Robert Ledgrad, chirurgo ha coltivato una pelle speciale dopo l'incidente della moglie in cui è rimasta semicarbonizzata in un incidente e poi si è suicidata, i suoi esperimenti lo hanno portato a riuscire a coltivare la pelle, facendo ricerche ed esperimenti, di questi esperimenti è cavia proprio lo stupratore della figlia che si è suicidata, complice silenziosa la fedele domestica Marilia, che è per Robert come una madre, che conosce il suo segreto e che fa di tutto per difenderlo.
Almodòvar dirige con meno sharme rispetto ai suoi lavori passati, di sicuro è un opera interessante anche per vedere dopo tanto tempo la reunion con un attore che ha fatto la storia del suo cinema Banderas, che con questo film dimostra una maturità attoriale che da sola vale la visione del film, un film peraltro tratto da un romanzo Tarantola di Thierry Jonquet, forse il soggetto non originale e la personalizzazione più drammaturgica hanno di fatto reso la pellicola meno d'alta calasse, io non ho letto il romanzo, quindi mi limito a recensire il film che resta una pellicola appetitosa.
Almodovar si rifà ai classici del cinema, e rilegge il mito di Frankenstein, ma si lascia andare, il film non è un capolavoro, non è ai livelli delle sue pellicole precedenti,  ma non importa, perchè il film è un buon film, forse meno sentito, o forse meno ispirato, ma resta comunque una pellicola da vedere.
APPETITOSO.


Commenti

  1. bello bello, poi come la penso lo sai :)

    RispondiElimina
  2. eh certo, si anche io penso che sia bello :)

    RispondiElimina
  3. Sai che io non l'ho apprezzato così tanto, ad ogni modo post sentito, giusto così. Almodovar va vissuto con passione. :)

    RispondiElimina
  4. si è vero, poi c'è una cosa, ognuno di noi il film lo vede e lo assimila in modo differente, ed è giusto così, non è che una cosa se piace a me deve piacere a tutti, siamo in un paese libero no? E forse sono proprio questi film che assimilati in maniera diversa, hanno qualcosa in particolare che li rende unici, non sono alquanto scontati ed è un bene. :)

    RispondiElimina
  5. Non ho amato quanto te l'interpretazione di Banderas, l'ho trovato un po' sottotono.
    Ma il film è assolutamente affascinante, nella sua imperfezione.

    RispondiElimina
  6. perso, clamorosamente perso. Era uno dei miei imperdibili della stagione, ma dalle mie parti è rimasto poco e niente.
    Comincerò con leggere il libro, per il film mi toccherà attendere.Peccato, perchè leggendo le recensioni di chi lo ha visto stavo diventando parecchio curiosa..

    RispondiElimina
  7. beh a confronto escono certe pellicole che veramente fanno pena, certo Almodovar ha fatto di meglio, ma certe scene hanno una potenza che fa centro, almeno per me è impossibile non restarne colpiti :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…