Passa ai contenuti principali

Control

Biopic, che può definirsi un vero e proprio docudrama sulla vita del cantante Ian Curtis, malato di depressione e epilettico, morto suicida nel 1980 a soli 24 anni, lasciando una moglie e una figlia.
Ian Curtis, il leader dei Joy Division, gruppo rock formatasi a Londra verso la fine degli anni settanta, fino alla morte è stato una figura carismatica per quanto riguarda la musica, e viene interpretato da Sam Riley, la cui interpretazione risulta molto intensa e sentita, sua moglie Debora è invece interpretata da Samantha Morton.
Il film tratto dalla biografia scritta dalla moglie di Ian Debora Woodruff, ed è incentrato sin dall'adolescenza di Ian fino alla morte prematura, causata tra altri dalla sua epilessia e depressione.
E' una lenta, ma inesorabile discesa agli inferi quella che mette in scena Corbijn, che gira il film in bianco e nero, forse per sottolineare lo stato d'animo del protagonista e ha un ritmo lento, un po' pesante, forse per suscitare nello spettatore una particolare simbiosi con Ian.
Nonostante ciò è il riuscito ritratto di un uomo, un artista che  ogni volta che il gruppo ottiene strepitosi successi, - è inevitabile visto il talento del gruppo - per Ian è una lenta ma inesorabile discesa verso l'inevitabile, come ha detto lui da giovane che sarebbe morto prima di quanto gli altri immaginassero. Il suo modo di esibirsi, nervoso, scattante, come se avesse sul palco crisi epilettiche lo hanno caratterizzato, il suo modo di cantare, il suo talento, la sua fragilità, e Sam Riley è talmente bravo a interpretarlo, così naturale, mai rarefatto, mai finto, e non è affatto un ruolo facile, anzi, il contrario, è un ruolo molto complesso, che richiedeva una preparazione intensa.
In sostanza un film complesso e affascinante, che mette in luce la vita complessa e intrigante di una leggenda della musica.
DA NON PERDERE.



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.