Passa ai contenuti principali

fright Night

Ci sono vari fattori che penalizzano Fright Night, primo fra tutti il remake, poi che sia una pellicola appetibile almeno sulla carta, le premesse ci dovrebbero essere, ma qui sbagliano.
Il film, che risulta essere l'ombra di tanti film horror usciti di recente, non ha l'appeal per far centro, le scene sanguinose sembrano essere fatte soprattutto per spaventare, ma rasentano l'effetto opposto, tanto da risultare fini a se stesse, relegando Fright Night, come il classico filmetto adolescenziale per far paura, forse alle nuove generazioni strafatte di twilight? Sicuramente, non di certo ai veri amanti del genere horror, e così abbiamo un cast di attori che da solo cerca di risollevare il film, tra cui spiccano Toni Collette e Colin Farrell, nel ruolo del vampiro, l'eroe della nostra storia sembra il classico nerd sfigato, a cui capita qualcosa di cui non è preparato, non ho visto l'originale e non posso fare paragoni, se un giorno mi capiterà di vederlo, cercherò di dare ulteriori spunti, fattostà che la pellicola risulta si accattivante, ci sono scene di intrattenimento, ma non colpisce fino in fondo, almeno chi è cresciuto a pane e horror - si fa per dire ovviamente - peccato, una occasione sprecata, un altro tassello per segnalare la decadenza dell'horror del cinema americano, effettivamente dovrei farci un articolo su questo problema.
La regia risulta sciatta e voyeuristica, per spiattellare allo spettatore le scene spaventose di fa di tutto e il contrario di tutto però come dissi prima facendo l'effetto opposto, l'unica cosa che c'è da salvare sono Tony Collette, Colin Farrell che dona al suo vampiro lo sguardo luciferino degli occhi e gli da anche una carica sexy, e i trucchi, per il resto tutto fumo e niente arrosto.





Commenti

  1. Questo film è una merdata nel vero termine della parola. L'ho trovato frivolo e adolescenziale.

    RispondiElimina
  2. Vi dirò, per essere una tamarrata senza pretesa alcuna, a me non ha fatto così schifo.
    Ma essendo io un tamarro, forse ero di parte! ;)

    RispondiElimina
  3. si è troppo superficiale secondo me :) una visione e passa, tanto per passare tempo...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.