Passa ai contenuti principali

Inferno

Secondo capitolo della trilogia delle madri di Dario Argento, un capitolo agghiacciante e sanguinoso, qui si inizia a scoprire il segreto di queste tre streghe, protagonista assoluta di questo capitolo è Mater Tenebrarum, la più giovane e la più crudele delle tre streghe, la cui abitazione risiede a New York, e proprio nella metropoli americana che ha inizio la nostra storia, Rose Elliot, una giovane poetessa americana, acquista un libro scritto da Emilio Varelli, alchimista di cui si sono perse le tracce, che parla delle tre madri degli inferi, mater suspiriorum, mater tenebrarum, mater lacrimarum, nel libro racconta di aver costruito per loro tre dimore, una a friburgo, una a new york e una a roma, e da queste tre dimore governano il mondo con il dolore, con le tenebre e con le lacrime, troppo tardi Varelli si accorse di tutto ciò e per non far dimenticare la storia scrisse il libro, e questo libro maledetto è il protagonista incontrastato di questo film.
Dopo aver letto il libro Rose scrive al fratello Mark, che si trova a Roma e gli parla di questo libro, magnifica la scena della lezione di musica in cui si intravede una misteriosa donna che lo fissa con gli occhi mentre accarezza un gatto, il giovane viene attirato dal suo sguardo finchè il vento non fa aprire la finestra, Sara scorge la lettera di Rose e inizia a leggerla, così va in una biblioteca alla ricerca del libro che metterà fine alla sua vita e a quella di un giovane incontrato per caso.
Così riprende la lunga scia di delitti, ma questa volta bisogna evitare che il segreto delle tre madri venga divulgato, alla morte di Sara, tocca a Mark sbrogliare l'intricata matassa che svela il mistero di questi omicidi, non fa in tempo a tornare che anche sua sorella trova la morte e viene decapitata. Adesso spetta a lui smascherare l'omicida...
Dario Argento si conferma maestro dell'horror e con Inferno aggiunge un altro capolavoro alla sua filmografia, grandiosa la fotografia che richiama a suspiria, si nota anche la mano di Mario Bava per i trucchi e di suo figlio Lamberto che hanno aiutato alla realizzazione del film.
Inferno è un capolavoro a tutti gli effetti, e che mostra l'abilità del suo autore nel costruire atmosfere d'alta tensione che ben presto come sapremo in futuro non  riuscirà mai più a toccare, ma che in passato gli hanno dato l'aura di grande del cinema, è un peccato che certi vertici non li abbia più toccati, comunquesia Inferno è di gran lunga un opera impressionante, che non lascia scampo allo spettatore, lasciando che si cala come i protagonisti negli inferi ed entrare in un orrore che lascia senza respiro.
CAPOLAVORO.

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.