Passa ai contenuti principali

Inferno

Secondo capitolo della trilogia delle madri di Dario Argento, un capitolo agghiacciante e sanguinoso, qui si inizia a scoprire il segreto di queste tre streghe, protagonista assoluta di questo capitolo è Mater Tenebrarum, la più giovane e la più crudele delle tre streghe, la cui abitazione risiede a New York, e proprio nella metropoli americana che ha inizio la nostra storia, Rose Elliot, una giovane poetessa americana, acquista un libro scritto da Emilio Varelli, alchimista di cui si sono perse le tracce, che parla delle tre madri degli inferi, mater suspiriorum, mater tenebrarum, mater lacrimarum, nel libro racconta di aver costruito per loro tre dimore, una a friburgo, una a new york e una a roma, e da queste tre dimore governano il mondo con il dolore, con le tenebre e con le lacrime, troppo tardi Varelli si accorse di tutto ciò e per non far dimenticare la storia scrisse il libro, e questo libro maledetto è il protagonista incontrastato di questo film.
Dopo aver letto il libro Rose scrive al fratello Mark, che si trova a Roma e gli parla di questo libro, magnifica la scena della lezione di musica in cui si intravede una misteriosa donna che lo fissa con gli occhi mentre accarezza un gatto, il giovane viene attirato dal suo sguardo finchè il vento non fa aprire la finestra, Sara scorge la lettera di Rose e inizia a leggerla, così va in una biblioteca alla ricerca del libro che metterà fine alla sua vita e a quella di un giovane incontrato per caso.
Così riprende la lunga scia di delitti, ma questa volta bisogna evitare che il segreto delle tre madri venga divulgato, alla morte di Sara, tocca a Mark sbrogliare l'intricata matassa che svela il mistero di questi omicidi, non fa in tempo a tornare che anche sua sorella trova la morte e viene decapitata. Adesso spetta a lui smascherare l'omicida...
Dario Argento si conferma maestro dell'horror e con Inferno aggiunge un altro capolavoro alla sua filmografia, grandiosa la fotografia che richiama a suspiria, si nota anche la mano di Mario Bava per i trucchi e di suo figlio Lamberto che hanno aiutato alla realizzazione del film.
Inferno è un capolavoro a tutti gli effetti, e che mostra l'abilità del suo autore nel costruire atmosfere d'alta tensione che ben presto come sapremo in futuro non  riuscirà mai più a toccare, ma che in passato gli hanno dato l'aura di grande del cinema, è un peccato che certi vertici non li abbia più toccati, comunquesia Inferno è di gran lunga un opera impressionante, che non lascia scampo allo spettatore, lasciando che si cala come i protagonisti negli inferi ed entrare in un orrore che lascia senza respiro.
CAPOLAVORO.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.