Passa ai contenuti principali

Mo' Better Blues


Spike Lee rende omaggio al blues, alla sua maniera, raccontando la storia di un trombettista, (Bleek Gilliam) diviso dall'amore tra due donne, Indigo (Joie Lee, sorella di Spike) e Clarke, racconta anche l'amicizia con il suo manager Giant, che ha il vizio del gioco e si mette sempre nei guai, e di tutta la sua band di musicisti, tra cui spicca Shadow (Wesley Snipes) che gli porta via il suo ruolo nella band e anche la donna Clarke, facendola diventare la cantante.
Un altro passo avanti per il regista di Atlanta, che rende omaggio alla musica dei neri, il blues, raccogliendo il gotcha degli attori afroamericani in circolazione, il meglio del meglio, Bill Nunn, Giancarlo Esposito, Samuel Jackson e tanti altri.
Un film che scorre piacevolmente come le note della musica che suona intensamente durante tutta la durata del film, o nella maggioranza del film se vogliamo essere sinceri.
Il film inizia con Bleek bambino che si esercita con la tromba, sotto le ali un po' troppo severe della madre che non lo fa uscire di casa perchè deve esercitarsi, e continua con Bleek ormai diventato adulto che si esibisce come musicista con la sua band in un locale gestito da due fratelli italo americani (interpretati dai fratelli Turturro, John presenza fissa nei film di Lee e Nicholas).
Il film racchiude in se tutto l'amore per la musica di Spike Lee, dal Jazz, al blues, mitica la frase che Bleek dice ai gestori del club in cui suona, oggi nessuno più ascolta il Jazz, ma perchè? Tutti ascoltano quella musica moderna che non ha cuore, nè sentimento, ed è proprio la musica protagonista assoluta del film, in tutto racchiuso con l'amore, il tradimento, l'amicizia, e saranno queste tre cose con cui Bleek dovrà fare i conti, le cose cominciano a complicarsi quando Indigo e Clarke si presentano nel locale dove suona indossando lo stesso vestito, e sarà un susseguirsi di piccoli drammi che culmineranno con il pestaggio di Giant da parte di alcuni suoi creditori, per difendere il vecchio amico Bleek verrà pestato pure lui, ma quei banditi gli rovineranno le labbra mettendo fine alla musica.
Spike Lee dimostra talento in questo film, puntando a conquistare il cuore degli spettatori facendo centro, Denzell Washington ci regala una interpretazione surreale e sincera, Spike lee col suo Giant ci regala uno dei personaggi più gustosi che si è costruito nella sua cinematografia.
In sostanza, un piccolo grande film, da avere per apprezzare sia un genere quasi dimenticato, che il talento di un grande regista.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.