Passa ai contenuti principali

Mo' Better Blues


Spike Lee rende omaggio al blues, alla sua maniera, raccontando la storia di un trombettista, (Bleek Gilliam) diviso dall'amore tra due donne, Indigo (Joie Lee, sorella di Spike) e Clarke, racconta anche l'amicizia con il suo manager Giant, che ha il vizio del gioco e si mette sempre nei guai, e di tutta la sua band di musicisti, tra cui spicca Shadow (Wesley Snipes) che gli porta via il suo ruolo nella band e anche la donna Clarke, facendola diventare la cantante.
Un altro passo avanti per il regista di Atlanta, che rende omaggio alla musica dei neri, il blues, raccogliendo il gotcha degli attori afroamericani in circolazione, il meglio del meglio, Bill Nunn, Giancarlo Esposito, Samuel Jackson e tanti altri.
Un film che scorre piacevolmente come le note della musica che suona intensamente durante tutta la durata del film, o nella maggioranza del film se vogliamo essere sinceri.
Il film inizia con Bleek bambino che si esercita con la tromba, sotto le ali un po' troppo severe della madre che non lo fa uscire di casa perchè deve esercitarsi, e continua con Bleek ormai diventato adulto che si esibisce come musicista con la sua band in un locale gestito da due fratelli italo americani (interpretati dai fratelli Turturro, John presenza fissa nei film di Lee e Nicholas).
Il film racchiude in se tutto l'amore per la musica di Spike Lee, dal Jazz, al blues, mitica la frase che Bleek dice ai gestori del club in cui suona, oggi nessuno più ascolta il Jazz, ma perchè? Tutti ascoltano quella musica moderna che non ha cuore, nè sentimento, ed è proprio la musica protagonista assoluta del film, in tutto racchiuso con l'amore, il tradimento, l'amicizia, e saranno queste tre cose con cui Bleek dovrà fare i conti, le cose cominciano a complicarsi quando Indigo e Clarke si presentano nel locale dove suona indossando lo stesso vestito, e sarà un susseguirsi di piccoli drammi che culmineranno con il pestaggio di Giant da parte di alcuni suoi creditori, per difendere il vecchio amico Bleek verrà pestato pure lui, ma quei banditi gli rovineranno le labbra mettendo fine alla musica.
Spike Lee dimostra talento in questo film, puntando a conquistare il cuore degli spettatori facendo centro, Denzell Washington ci regala una interpretazione surreale e sincera, Spike lee col suo Giant ci regala uno dei personaggi più gustosi che si è costruito nella sua cinematografia.
In sostanza, un piccolo grande film, da avere per apprezzare sia un genere quasi dimenticato, che il talento di un grande regista.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…