Passa ai contenuti principali

Il Mondo dei Replicanti

Surrogates, ecco il titolo originale del film diretto da Jonathan Mostow, che è un chiaro omaggio (oppure una spudorata traduzione?) di un altro film, Blade Runner, non li metto a confronto perchè sono differenti, se il film di Ridley Scott è e rimane un capolavoro lo stesso non si può dire del suo fratello minore,  il mondo dei replicanti , emulo di ispirazione Dickiana, vede un detective e la sua collega  far luce su un doppio delitto, ma le vittime non erano umani, erano dei surrogati, dei replicanti, che vengono collegati agli umani per vivere una vita alternativa alla loro...
un tempo i surrogati venivano usati per chi ne aveva bisogno, gente che non poteva camminare, disabili, persone sfigurate che non potevano vivere una vita normale, ora invece i surrogati hanno completamente sostituito gli umani nella vita normale di tutti i giorni, perchè non invecchiano, sono sempre energici, e forti, e per tanti altri motivi.
Ma un gruppo sovversivo non ci sta, perchè crede che questo sia un inganno, che non sia la vita reale, le macchine che si sostituiscono agli umani è una cosa abominevole, e sarà proprio il  gruppo capitanato da un uomo chiamato il profeta a svegliare le coscienze e anche l'umanità.
I riferimenti a Philip K Dick si sprecano, e viene di istinto paragonarlo al capolavoro di Scott, anche se il film è girato bene, ed è interpretato alla grande da un cast convincente, il film risulta qualcosa di già visto non da nessuna novità, nessuna intuizione, sembra un compitino ben fatto, troppo costruito per essere appetibile, anche se fatto bene risulta alquanto inoriginale.
Peccato, se Mostow avesse preso un vero racconto tratto da PKDick, magari e l'avrebbe impersonato meglio le cose sarebbero potute essere migliori, nonostante ciò resta comunque un film piacevole da vedersi, un po' intrigante, da vedersi per passare tempo e nient'altro.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.