Passa ai contenuti principali

American Life

Burt e Verona stanno diventando genitori, non sono ancora sposati ma hanno intensione di far partecipare all'evento i genitori  di lui, si troveranno ad affrontare una sorpresa che non si aspettano, i genitori di lui (quelli della ragazza sono morti) hanno intensione di trasferirsi a las vegas e starci per due anni, la delusione per i due ragazzi è palpabile, così decidono di intraprendere un viaggio, alla ricerca di un posto dove mettere radici per mettere su famiglia.
Ben tornato Sam Mendes, dopo la parentesi di Revolutionary Road, Sam Mendes torna con un piccolo grande film, e che film, libero dai fronzoli e dalla freddezza di certe pellicole, ha diretto un opera fresca che denota una leggerezza senza pari, dimostrando una maturità che conquista al primo sguardo, l'interpretazione degli attori è la classica ciliegina sulla torta, si fanno sedurre dalla macchina da presa, come se Mendes abbia voluto dirigere questo film più con il cuore che con i soldi, regalandoci un opera che potrei definire un piccolo capolavoro.
Se non conoscessi l'autore magari l'avrei preso per un piccolo film indipendente, dato che questa volta non ha voluto mettere superstar nel suo cast, dovrei cominciare a prendere Mendes più seriamente visto la sua opera, innanzitutto è un opera sincera e sentita e si nota anche dalla passione con cui è stato girato, poi c'è uno script scritto benissimo, che possiamo dire poi...mmmh fatemici pensare...ecco beh non vi resta che andarlo a vedere, o noleggiare, o anche collezzionare, si collezionatelo, perchè ne vale la pena, poi perchè è talmente dolce che scivola giù che neanche lo senti, tutti noi cerchiamo un posto che sia come una casa, è forse questo il messaggio che Mendes ci vuole dare con questo film? Io credo proprio di si, una casa può essere qualsiasi cosa, basta che ti trovi bene e  a tuo agio, ma basta che ci sia un amore con cui piantare il seme della vita e mettere le tue radici, non è forse questa la definizione vera di famiglia o di casa?
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. sì, dev'essere bello questo film, interessa anche a me

    RispondiElimina
  2. veditelo poi dimmi se ti è piaciuto :)

    RispondiElimina
  3. Ho trovato questo film decisamente gradevole. Come molti ho conosciuto e amato questo regista con American Beauty.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  4. si è carino, è vero con american beauty l'abbiamo conosciuto praticamente tutti ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.