Passa ai contenuti principali

Drive

Un nuovo nome fa capolino tra i giovani registi, un nome che con Drive ha vinto il premio per la migliore regia Nicolas Winding Refn, regista di Drive.
Una pellicola che regala forte tensione e anche grandi emozioni, che per una pellicola d'azione dare momenti drammatici diciamo che è un tocco in più che la rende originale e unica.
Protagonista è un autista senza nome, che fa l'autista per i ladri e lo stuntman nei film per le scene di guida spettacolari, lo interpreta un sorprendente Ryan Gosling, attore che piano piano si è fatta strada e che finalmente è rivelato da questa pellicola piena di sorprese, diretta come detto sopra da questo giovane autore Danese di cui sono sicura che sentiremo parlare molto spesso di lui, soprattutto da queste parti, dunque continuando con la trama, fare da palo ai ladri e lo stuntman non è la sola attività che svolge, lavora persino in un auto officina, ma un giorno si innamora di Irene (Carey Mulligan, la ricordate in An Education e Non Lasciarmi) madre di un bambino il cui marito si trova in carcere, una volta uscito di prigione deve pagare il debito al boss locale per una rapina, e qui succede il dramma, sarà proprio l'autista per amore di Irene ad aiutare l'uomo, tutto dovrebbe procedere secondo i piani, ma qualcosa non quadra, al banco dei pegni dove si dovrebbe fare la rapina ci sono dei soldi di un altro boss mafioso che ha rubato ad un altra persona, scattata la trappola ardita anche da una donna che fa loro da complice doppiogiochista, si trovano immischiati in un gioco più grande di loro che li risucchierà nel profondo, è una discesa agli inferi che forse non ha una via d'uscita, o quasi, il marito di Irene rimane ucciso e il boss di origine irlandese (Ron Perlman), ma a dirigere i giochi ci pensa l'altro boss - colui a cui presumibilmente sono stati tolti i soldi - che risolve la cosa a modo suo.
Un film sorprendente e intenso, capace di farti stare col fiato sospeso dall'inizio alla fine, baciato da una tenera storia d'amore senza troppi fronzoli o lacrime facili, realistica, vera, è per amore che lui cerca di aiutare il marito, è per amore suo soprattutto che lo fa, lui non esprime del tutto i suoi sentimenti, ma lotta soprattutto per amore della ragazza e del suo bambino, a costo di rischiare la sua stessa vita, inutile dire che il boss con il quale l'autista lavora fa fuori tutti no? Ma forse ho parlato troppo, comunquesia, è nelle immagini di grande impatto che sta la vera forza del film, alcune scene sono davvero spettacolari come quelle degli inseguimenti, e aggiungo che il premio alla regia a Cannes per me è strameritato, Winding Refn offre una regia adrenalinica e mozzafiato capace di incollarti allo schermo e non mollarti, lo stesso possiamo parlare della trama di questo film formidabile
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Uno dei film dell'anno, senza se e senza ma.
    Stupendo in ogni aspetto.

    RispondiElimina
  2. @newmoon e allora? Vallo a vedere, ;)

    @ford, concordo in pieno ^_^

    RispondiElimina
  3. già uscito dalla cinematografia della mia città...si attende recupero sky

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.