Passa ai contenuti principali

Symbiosis - Uniti fino alla morte

Alex, è un giovane che è stato accusato dell'omicidio del suo migliore amico Nigel, ma cosa c'è dietro? Il Thriller,  è un opera prima splendidamente diretta da Gregory J Read  e magistralmente interpretata da Toni Collette, che grazie al suo personaggio Sally Rowe, riesce a dare spessore e aggressività donando un personaggio forte.
Chi ha ucciso Nigel? E perchè? Quale segreto oscuro si cela nello strano rapporto, quasi in simbiosi con Alex? Cosa nascondevano i due ragazzi? Sono queste le domande che ti poni durante la visione, e nonostante ciò il film riesce a tenere sulla corda lo spettatore in un susseguirsi mai banale di colpi di scena.
Niente male come film, che riflette su come si possono controllare i nostri simili, compiendo gesti efferati, il tutto per seguire un ideale di discendenza con i templari, quasi come un lento ma inesorabile lavaggio del cervello, lo stesso lavaggio del cervello preso nei regimi totalitari, e nelle religioni settistiche, ed è proprio come una religione questo ideale che spinge Alex a lasciarsi sedurre dall'amico, la dottoressa in un primo tempo non crede al ragazzo, poi inizia a insospettirsi, facendo scoperte che non avrebbe mai immaginato.
Uno script appetitoso, una regia che non lascia scampo allo spettatore, e sembra che sia cronometrata per precisione e professionalità, un cast di attori che si fa piacevolmente dirigere dalla mano del regista, insomma gli ingredienti per un ottimo Thriller ci sono tutti, non si sa mai cosa possa accadere prima, e qual'è la verità, è una specie di gioco al gatto col topo furbescamente diretto con una astuzia che seduce a primo colpo, un gioco a scatole cinesi, a incastri, Alex è colpevole o innocente? E' questa la domanda che ti poni prima durante e alla fine - che ovviamente non dico - quando i giochi sono ormai conclusi - e il finale è proprio una sorpresa - resti davvero con la grande sensazione di un opera da non perdere.
DA COLLEZIONARE.

Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.