Passa ai contenuti principali

Paris Texas

L'america secondo Wenders, quel paese sconfinato, grandissimo, patria delle grandi opportunità è teatro della ricostruzione di una famiglia, che si è persa per strada, ma è anche la storia di due fratelli, che si ritrovano dopo tanto tempo il cui il primo si prende cura del figlio  del secondo, lasciato dalla madre per inseguire la sua vita, in mezzo c'è la tragica storia di un incendio che ha diviso questa famiglia, lasciando il padre del bambino con problemi psicologici...
Film che tra l'altro ha vinto la palma d'oro a Cannes, è uno sguardo lucido e schietto sui sentimenti umani, in cui l'america è una sorta di teatro immaginario dove le loro vite sono rinchiuse, come tre mondi ormai lontani che apparentemente possono riunirsi, ma è uno sfiorarsi non è un abbracciarsi, alla fine si scoprirà che la madre fa dei peep show, non ha raggiunto il tanto agognato sogno americano, il figlio all'inizio osserva il padre da lontano, ma poi alla fine piano piano si avvicina a lui, che vorrebbe riunire la sua famiglia a Parigi, non la città francese, ma il luogo dove è stato concepito nel Texas.
Film che sottolinea sentimenti, rimpianti, angosce, come pochi altri sanno fare, ma che li sviluppa sotto lo sguardo innocente di un bambino, che vedendo il padre di nuovo accanto a lui sogna di nuovo il ricongiungimento della sua famiglia, e alla fine questa America così grande non è capace di contenere tutto l'amore che esiste tra loro, ed è incapace inoltre nonostante le distanze di ricostruire questo amore come una volta, è un po' come essere soli in mezzo a tanta gente, un vuoto interiore che non si rimargina nè riesce a colmare la tristezza che si ha nel cuore.
Film un po' pessimista direi, ma che è capace di sottolineare i sentimenti per quello che sono, interpretato tra altri da Dean Stockwell (Walt)  Harry Dean Stanton (Travis) e Nastassjia Kinsky (Jane) che solo per la loro interpretazione vale la visione del film, la regia di Wenders riesce ad essere pacata accompagnando lo spettatore e facendo in modo che entri nelle loro vite, ma è ben presente e si vede.
DA NON PERDERE.

Commenti

  1. di questo film ho ricordi lontanissimi, cioè praticamente nulli... ottimo promemoria

    RispondiElimina
  2. veditelo :) ovviamente leggerò il tuo parere una volta fatta la rece ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.