Passa ai contenuti principali

Paris Texas

L'america secondo Wenders, quel paese sconfinato, grandissimo, patria delle grandi opportunità è teatro della ricostruzione di una famiglia, che si è persa per strada, ma è anche la storia di due fratelli, che si ritrovano dopo tanto tempo il cui il primo si prende cura del figlio  del secondo, lasciato dalla madre per inseguire la sua vita, in mezzo c'è la tragica storia di un incendio che ha diviso questa famiglia, lasciando il padre del bambino con problemi psicologici...
Film che tra l'altro ha vinto la palma d'oro a Cannes, è uno sguardo lucido e schietto sui sentimenti umani, in cui l'america è una sorta di teatro immaginario dove le loro vite sono rinchiuse, come tre mondi ormai lontani che apparentemente possono riunirsi, ma è uno sfiorarsi non è un abbracciarsi, alla fine si scoprirà che la madre fa dei peep show, non ha raggiunto il tanto agognato sogno americano, il figlio all'inizio osserva il padre da lontano, ma poi alla fine piano piano si avvicina a lui, che vorrebbe riunire la sua famiglia a Parigi, non la città francese, ma il luogo dove è stato concepito nel Texas.
Film che sottolinea sentimenti, rimpianti, angosce, come pochi altri sanno fare, ma che li sviluppa sotto lo sguardo innocente di un bambino, che vedendo il padre di nuovo accanto a lui sogna di nuovo il ricongiungimento della sua famiglia, e alla fine questa America così grande non è capace di contenere tutto l'amore che esiste tra loro, ed è incapace inoltre nonostante le distanze di ricostruire questo amore come una volta, è un po' come essere soli in mezzo a tanta gente, un vuoto interiore che non si rimargina nè riesce a colmare la tristezza che si ha nel cuore.
Film un po' pessimista direi, ma che è capace di sottolineare i sentimenti per quello che sono, interpretato tra altri da Dean Stockwell (Walt)  Harry Dean Stanton (Travis) e Nastassjia Kinsky (Jane) che solo per la loro interpretazione vale la visione del film, la regia di Wenders riesce ad essere pacata accompagnando lo spettatore e facendo in modo che entri nelle loro vite, ma è ben presente e si vede.
DA NON PERDERE.

Commenti

  1. di questo film ho ricordi lontanissimi, cioè praticamente nulli... ottimo promemoria

    RispondiElimina
  2. veditelo :) ovviamente leggerò il tuo parere una volta fatta la rece ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.