Passa ai contenuti principali

The Hurt Locker

Uno sguardo in diretta sulla guerra in irak attraverso le storie di disinnescatori di bombe, in particolare uno, William James, a cui non gli importa nulla di morire, infatti si porta dentro un dolore che non sapremo mai, la scuadra di artificieri svolge un lavoro che li porta vicino alla morte ogni volta che si avvicinano a una bomba, ma forse è proprio per questo che riescono a percepire la vita meglio, rispetto a chi la vita la vive rinchiuso nelle quattro mura della propria casa.
Un film veramente tosto, diretto con pugno di ferro da una brillante Katherine Bigelow, prima donna regista a portarsi a casa l'oscar sottolineiamolo, beh dopo ottant'anni finalmente hollywood si accorge delle registe donne, è un film che in un certo senso lascia sconvolti, inermi, in tensione verso quelle vite che sono constantemente in pericolo, ma il bello del film è scoprire la vita del nostro protagonista, capire il suo dolore, la sua angoscia, ogni volta che c'è il lavoro da svolgere lui lo fa, apparentemente senza provare sentimenti o cosa, va lì disinnesca e poi continua, splendida la scena in cui prova a fare uscire un sospettato terrorista dalla sua automobile e che poi lo deve lasciare per non lasciarci la pelle lui, è un film che lascia sconvolti anche per come dei giovani, che possono avere tutto dalla vita, sono invece mandati al fronte, a combattere una guerra che non vogliono combattere, e sapere di essere un mezzo fine a se stesso, non un essere umano, in un certo senso cambia la concezione del mondo che c'è attorno a te, e cambiano anche i sentimenti, si rimane oscuri, in un certo senso vuoti, mentre altri si riempono le tasche e arricchiscono il loro conto in banca.
Un film simile ti lascia anche sentimenti contrastanti, perchè prima di tutto è un grande film, che da uno sguardo differente sulla guerra, come se ci fosse altro da raccontare, non soltanto i colpi di fucile e le uccisioni
MAGISTRALE.



Commenti

  1. sì, questa è una regista donna da premiare, altro che (s)coppolette varie.... nun me fa parlà!! :D

    RispondiElimina
  2. aaaaaah non mi toccare sofia, sono una sua estimatrice hehe apparte somewhere, si katherine è una regista tosta in questo concordo in pieno ;)

    RispondiElimina
  3. per me la sofia è buona solo per le terapie ludovico... e secondo tarantino pure per qualcos'altro ma a me non è dato sapere :D

    RispondiElimina
  4. la Bigelow è una regista con le palle!

    RispondiElimina
  5. puoi dirlo forte, la apprezzo molto ^^

    RispondiElimina
  6. Ottimo film, anche se, a mio parere, il massimo della Bigelow resta e resterà Point break!

    Ad ogni modo, una delle migliori registe in giro!

    RispondiElimina
  7. aaaah devo recuperarlo point break, mi sa che lo metto in lista XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.