Passa ai contenuti principali

The Hurt Locker

Uno sguardo in diretta sulla guerra in irak attraverso le storie di disinnescatori di bombe, in particolare uno, William James, a cui non gli importa nulla di morire, infatti si porta dentro un dolore che non sapremo mai, la scuadra di artificieri svolge un lavoro che li porta vicino alla morte ogni volta che si avvicinano a una bomba, ma forse è proprio per questo che riescono a percepire la vita meglio, rispetto a chi la vita la vive rinchiuso nelle quattro mura della propria casa.
Un film veramente tosto, diretto con pugno di ferro da una brillante Katherine Bigelow, prima donna regista a portarsi a casa l'oscar sottolineiamolo, beh dopo ottant'anni finalmente hollywood si accorge delle registe donne, è un film che in un certo senso lascia sconvolti, inermi, in tensione verso quelle vite che sono constantemente in pericolo, ma il bello del film è scoprire la vita del nostro protagonista, capire il suo dolore, la sua angoscia, ogni volta che c'è il lavoro da svolgere lui lo fa, apparentemente senza provare sentimenti o cosa, va lì disinnesca e poi continua, splendida la scena in cui prova a fare uscire un sospettato terrorista dalla sua automobile e che poi lo deve lasciare per non lasciarci la pelle lui, è un film che lascia sconvolti anche per come dei giovani, che possono avere tutto dalla vita, sono invece mandati al fronte, a combattere una guerra che non vogliono combattere, e sapere di essere un mezzo fine a se stesso, non un essere umano, in un certo senso cambia la concezione del mondo che c'è attorno a te, e cambiano anche i sentimenti, si rimane oscuri, in un certo senso vuoti, mentre altri si riempono le tasche e arricchiscono il loro conto in banca.
Un film simile ti lascia anche sentimenti contrastanti, perchè prima di tutto è un grande film, che da uno sguardo differente sulla guerra, come se ci fosse altro da raccontare, non soltanto i colpi di fucile e le uccisioni
MAGISTRALE.



Commenti

  1. sì, questa è una regista donna da premiare, altro che (s)coppolette varie.... nun me fa parlà!! :D

    RispondiElimina
  2. aaaaaah non mi toccare sofia, sono una sua estimatrice hehe apparte somewhere, si katherine è una regista tosta in questo concordo in pieno ;)

    RispondiElimina
  3. per me la sofia è buona solo per le terapie ludovico... e secondo tarantino pure per qualcos'altro ma a me non è dato sapere :D

    RispondiElimina
  4. la Bigelow è una regista con le palle!

    RispondiElimina
  5. puoi dirlo forte, la apprezzo molto ^^

    RispondiElimina
  6. Ottimo film, anche se, a mio parere, il massimo della Bigelow resta e resterà Point break!

    Ad ogni modo, una delle migliori registe in giro!

    RispondiElimina
  7. aaaah devo recuperarlo point break, mi sa che lo metto in lista XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.