Passa ai contenuti principali

La Strada Scarlatta

Un film lacerante, duro, che mostra fin dove può arrivare la cattiveria umana,
Christopher Cross è un impiegato di banca stimato dai colleghi, dal principale, che ha come unica passione la pittura, passione che viene osteggiata e criticata dalla moglie, un giorno incontra Kitty March, una avvenente ragazza e la salva dalle grinfie del suo amante Johnny mentre la picchiava selvaggiamente.
I due intrecciano una relazione e lui le mostra i suoi quadri, ma Johnny non si arrende e vedendo i quadri dell'uomo che ingenuamente  li aveva lasciati nell'appartamento, li prende con se spacciandoli all'inizio per suoi tanto per guadagnare qualche soldo, non prima di averli spudoratemente disprezzati, poi ci riflette e li va a vendere, e li vende bene, tanto che i quadri vengono comprati da un noto gallerista che apprendendo l'indirizzo va a trovare Johnny chiedendo chi è l'autore dei quadri, così di getto dice che i quadri sono di Kitty, all'inizio la donna fa di tutto per mostrare la verità, ma dopo un po' sta al gioco, e Christopher? Messo davanti alla realtà dei fatti, è contento anche se il nome che appare è quello di Kitty, ma non il suo, è talmente ingenuo da non riuscire a vedere la realtà, talmente accecato dalla bellezza della donna che non vede i suoi giochi malefici insieme all'aitante giovanotto, in realtà la donna lo disprezza, perchè è un uomo anziano, e sta con lui soltanto perchè spera di cambiare vita usandolo e vendendo i suoi quadri, diventando ricca, alle sue spalle, e ricca ci diventa, la signorina diventa persino una celebrità, tutto è giocato sulle spalle di quel povero uomo che oserei chiamare imbecille scusando il termine, fino allo sconvolgente finale in cui l'imbecille comincia a vedere chiaro...
Fritz Lang, ci mostra il marcio del genere umano, l'ignoranza e l'avidità possono usare una persona per i propri scopi, una bella pelliccia, una bella macchina, che non sono sudati con la loro pelle ma che sono estirpati dal talento di un ingenuo magistralmente interpretato da Edward G Robinson, che solo per la sua interpretazione vale la visione del film, l'atmosfera del film è da noir classico, che come una partita a scacchi tiene incollati gli spettatori dall'inizio alla fine.
DA NON PERDERE.



Commenti

  1. bello cacchio, non l'ho visto... cerco di recuperarlo, la descrizione mi ha incuriosito

    RispondiElimina
  2. ne sono contenta, ti piacerà, poi Fritz Lang è una garanzia vai sul sicuro con lui :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.