Passa ai contenuti principali

H2Odio

Sapete cos'è la sindrome del gemello evanescente? Durante la gravidanza avvolte capita che si concepiscano due bambini, due gemelli uguali, ma che ne nasca solo uno, questo si da all'effetto di assorbimento del corpo dell'altro feto, che di fatto non riuscendo a vivere i resti rimangono nel corpo del bambino che nasce.
Alex Infascelli dirige un film complesso e difficile, ma nella sua complessità riesce ad inquietare, la fotografia è marcata, i colori sono chiari, scuri, precisi, e sanciscono l'incubo nel quale il gruppo di ragazze sta per entrare.
Olivia, e le sue amiche decidono di passare una settimana nella sua vecchia casa, il regime dietetico che si deve seguire è estremo, per una settimana l'unico cibo concesso è acqua, sale e radici di liquirizia, è una purificazione anche per Olivia che dovrà affrontare i suoi fantasmi, fantasmi che fin dall'infanzia non l'hanno mai lasciata, anche grazie all'incapacità della madre di affrontare al meglio il suo problema, non ha risolto nulla sin da quando era bambina, e ora Olivia si sente una donna incompleta, una donna a metà.
Un film davvero particolare, unico nel suo genere, si basti come si è deciso di girarlo e di distribuirlo, in modo anticonvenzionale, anche per il tema trattato, un piccolo film che è capace di fare rabbrividire, un film come ha detto l'amico Robydick per stomaci forti, io aggiungo che per guardarlo ci vuole una preparazione psicologica adatta, perchè se non sei sereno non puoi affrontarlo al meglio.
Si allontana dai canoni dei film commerciali a cui il cinema ci ha ormai abitutati, proponendo  un cinema di silenzi, di luci, di colori, che bastano a farti percepire il pericolo, il dolore, l'orrore che fa attraversare l'inferno ad Olivia, che scrive un diario rivolgendosi alla sua gemella evanescente Elena, che prenderà il sopravvento nell'epilogo finale, l'unica che segue ferrea la dieta è Olivia, le altre invece trasgrediscono la regola e mangiano di nascosto, quando lei dorme.
Io aggiungo che tutti gli americani prima di prendere la telecamera e facendo finta di farci spaventare, dovrebbero prima guardare questo film e IMPARARE come si fanno gli horror, e poi ci riprovano.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. insomma t'è piaciuto mi pare! non siamo in tanti... mi fa piacere ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.