Passa ai contenuti principali

Con gli occhi dell'assassino

Strana gente questi iberici, ma però avvolte riescono a fare piccoli film che incatenano allo schermo, è il caso di Con gli occhi dell'assassino diretto da Guillem Morales e prodotto da quel geniaccio di Guillermo del toro, autore che tocca spesso fantastico e horror ed è stato capace di fare vere e proprie meraviglie, qui sta nella cabina di produzione, e presenta un thriller che si sospetti non abbia nulla di nuovo rispetto alle pellicole del passato, si ci sono vari thriller con protagonisti ciechi, si pensi a the eye, furia cieca e tante altre.
La storia non è originalissima si sa, quello che spaventa di più in questo film non è la cecità in se, quella è la mancanza di un senso, ma ciò che la minaccia, ovvero un assassino, un uomo che ha paura del...ah non posso dirlo altrimenti faccio spoiler e finisce la festa hehe, comunque un film che incatena dal primo all'ultimo fotogramma, la protagonista Belen Rueba - tra i suoi film c'è anche il bellissimo mare dentro di Amenabar - è nel doppio ruolo di Julia e Sara, ed è minacciata da un Serial Killer ossessionato dai ciechi, ma soprattutto dal buio, che non si riesce ad acchiappare, perchè lui vive nel buio, non è assolutamente un impresa facile acciuffarlo, ed è in questa continua lotta tra luci e ombre, tenebre e luce, che dovrà affrontare Sara per liberarsi di lui, anche quando subisce l'operazione per tornare a vedere normalmente, anche se poi la minaccia si fa più pressante, più pericolosa, anche se dovrà affrontare il buio per tornare alla luce, lei lo fa, e per fare questo deve avere molto coraggio.
Il film non è un capolavoro, però riesce a catturare dall'inizio alla fine, in un crescendo di tensione che non lascia mai lo spettatore, l'autore - un nome da tenere d'occhio - non ti lascia scampo, devi vedere il film dall'inizio alla fine, quando poi si scoprono le carte in tavola, e l'assassino rivela il suo volto e le sue ossessioni, e viene messo a nudo sia da Sara che da sua madre, lì c'è l'abisso che lo fa sprofondare sempre di più dentro se stesso, in una voragine che lo divora e che non gli lascia scampo.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. Io l'ho trovato un film pessimo.
    Zero tensione, interpretazioni scarse, script illogico.
    Una delle bocciature più nette della scorsa estate fordiana.

    RispondiElimina
  2. piaciuto molto. atmosfera lenta e avvolgente, di gran fascino
    quel burino di mr. ford non può capirle, certe cose ahahah :)

    RispondiElimina
  3. e a me invece è piaciuto, l'ho trovato intrigante, ricco di tensione eh ford ford...lasciati avvolgere dalla tensione ogni tanto hehe ;)

    RispondiElimina
  4. neanche a noi è piaciuto un gran chè :/ la prima parte è davvero molto bella, ma la seconda perde parecchio di mordente.. per non parlare del finale che non arriva MAI °___°
    ma daltronde si sa, i gusti son gusti ^^!

    RispondiElimina
  5. ovviamente poi è bello quando i film si percepiscono in modo differente, non sono film scontati, c'è qualcosa di intrigante invece dei film che piacciono a tutti :)

    RispondiElimina
  6. Ho adorato questo film!
    Nonostante tutte le pecche che potesse avere... :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.