Passa ai contenuti principali

L'elemento del Crimine

Lars Von Trier esordisce con un Thriller complesso, ma che lascia impressionati soprattutto per l'abilità nel costruire le psicologie dei personaggi, riuscendo nell'intento che rimangono impresse nella memoria dello spettatore, non è un film facile, anche se si distanzia dalle classiche regole del thriller carpendo l'identificazione di un poliziotto verso un assassino seriale di bambine, personalizzando forse in maniera complicata il film, ma raggiungendo livelli di suspence mai toccati in precedenza, come se Hitchcock in persona avesse fatto una lezione sul thriller e Von Trier l'ha smontata e cambiata come piace a lui, ed ecco il risultato, l'elemento del crimine per ogni appassionato di cinema che si rispetti, è un esordio alla regia di alta qualità, che trasuda l'immenso talento di un autore avvolte capace di grandi emozioni, altre volte spiazzante e provocatorio soprattutto nelle opere future, l'elemento del crimine come ho detto in precedenza non è un thriller come gli altri, ma un vero e proprio pugno nello stomaco, vederlo può impegnare tutte le vostre energie, ma ne vale la pena, non so se è un capolavoro, ma forse ci siamo vicini, perchè se così fosse allora ci troviamo davanti a un film che non sfigurerebbe accanto ad altri capolavori, L'elemento del crimine è un opera originale che rappresenta la visione di un autore di trasmettere suspence e tensione alla sua maniera, personalizzando il film in una maniera alternativa, e innovativa mai banale, anzi al contrario, si pensi alla fotografia marcata di colori chiari e accecanti che trasuda ansia ad ogni inquadratura, si pensi alle scenografie suburbane, che mettono tensione, capace di creare un vuoto intorno che rischia di inghiottirti, è un vortice in cui lo spettatore si ritrova risucchiato, sia nell'indagine sia nel comprendere chi è in realtà l'assassino e il detective.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. bene bene, parti dall'inizio e col piede giusto per il Genio di Danimarca, mi fa solo piacere

    RispondiElimina
  2. eh si XD so che tu stravedi per Lars eh? XD ma a breve ci sarà anche la recensione con cui inizierà la rassegna se vince Lars Dancer in The Dark XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.