Passa ai contenuti principali

Bed Time

Il ritorno di Jaume Balaguerò al cinema, dopo la parentesi di [REC] reality horror, fatto benissimo, ecco che vira verso il Thriller, e che Thriller.
Innanzitutto la locandina può trarre in inganno, facendo capire allo spettatore che si tratta di un horror, invece il film è un Thriller psicologico costruito abbastanza bene, è un film completo, scritto da Alberto Marini, scrittore italiano, che poi ha deciso di scriverci il romanzo, il film racconta la storia di Cesar, portiere in un palazzo, i cui inquilini non sanno nulla di lui, ma lui sa tutto degli inquilini, è un uomo profondamente infelice, o meglio incapace di vivere in modo solare e sereno la vita, con un problemino, è un sociopatico, e uno psicopatico estremamente pericoloso.
Quando nel codominio arriva Clara, giovane bella e solare, con il sorriso sulle labbra, Cesar, farà di tutto per cancellarle quel sorriso, arrivando a spingersi oltre il limite pur di renderle la vita impossibile.
Cesar, che è uno  stalker, non si limiterà a renderle solo a renderle la vita impossibile, lui vuole cancellare quel sorriso dalla faccia della ragazza, per sempre, perchè non ammette che attorno a lui ci sia gente solare, felice o ottimista, Clara per lui diventa un ossessione, e cosa fa? Lui avendo la chiave del suo appartamento, di notte entra a casa della donna, intrufolandosi persino nel suo letto, come vedremo già all'inizio, quindi non sto facendo spoiler eh? Jaume Balaguerò, grazie all'aiuto di Alberto Marini, che, come ho detto prima ha curato la sceneggiatura del film e in passato anche di altri film di Balaguerò, con Bad Time, ci troviamo di fronte a un buon film, costruito in maniera efficace, l'autore abbandona per una volta gli horror, per un film denso di tensione dall'inizio alla fine, vedere il finale per credere, non dico nulla per non rovinare la sorpresa, ma vi assicuro che è agghiacciante, Luis Tosar, è bravissimo, e solo per la sua interpretazione vale la pena di guardare il film da al suo personaggio il tocco inquietante di una persona all'apparenza di cui ti puoi fidare, la cosa che mi ha colpito di più è la contrapposizione del personaggio, quella bambina che lo ricatta, fa capire allo spettatore che Cesar, non è invincibile, ma c'è anche un sottointeso di due classi diverse, quella proletaria, rappresentata da Cesar, e quella borghese rappresentata dai condomini, la rabbia che si scatena in Cesar, può rendere simpatico questo personaggio di cattivo all'inizio, ma poi lo spettatore capisce chi sia veramente il cattivo e perchè.
Un Thriller ad alta tensione, con un finale  a sorpresa che non ti aspetteresti mai, ma che intuisci verso quasi alla fine, agghiacciante, di una cattiveria incredibile.
In conclusione, Balaguerò dirige un ottimo Thriller, che sia giunto il momento di sorprendere il pubblico con altre pellicole sorprendenti? Da lui, che apprezzo, da quando ho visto Fragile, che recensirò me lo aspetto.
DA NON PERDERE.


Film recensito anche dall'amico Robydick la recensione è diversa non è uguale a questa la volete leggere? click




Commenti

  1. concordo da non perdere. complimenti per il blog. l'ho aggiunto nell'elenco di quelli che seguo

    RispondiElimina
  2. http://letteraturaecinema.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. si grazie lo inserisco tra i links :) a proposito del film il finale è qualcosa di agghiacciante :)

    RispondiElimina
  4. qualcosa mi dice che sei tornata dalle vacanze...eh eh condivido tutto quello che hai detto su questo compreso il finale agghiacciante che ho visto è stato criticato da alcuni....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, semplicemente sono in vacanza, ma ho voglia si scrivere nel blog, poi chissà magari cosa esce fuori hahaha ^^

      Elimina
  5. Bel film il finale è molto cattivo:D la chiusura tra libro e film però è differente....

    RispondiElimina
  6. Concordo. Sicuramente il film migliore di Balaguerò.
    Ottimo il finale.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.