Passa ai contenuti principali

Quella casa nel bosco

In questi tempi di magra del cinema di genere, ormai ti aspetti di tutto e di più, appena inizi a vedere quella casa nel bosco, parti già motivato che stai per vedere la solita boiata finto/horror che dai per scontato che ti annoierà, invece il film pur non essendo originale, calca il pedale della citazione riuscendo ad essere intrigante e coinvolgente, non da fare gridare al miracolo, ma sicuramente è un buon punto di reinizio, questo si spera, per il genere horror, Drew Goddard, segnatevi questo nome, parte con il pedale giusto, e cita Sam Raimi di la casa, pur restando ancorato alla trama del suo film crea un opera che parte come un teen horror, con alcuni amici che parte per un weekend, appena raggiungono la casa nel bosco iniziano un po' a cazzeggiare e soprattutto a giocare tra loro a obbligo e verità, e mentre giocano una strana botola si apre e dentro ci sono strani oggetti, ma a cosa porta la botola? Come mai vengono assaliti da degli zombie?
Costruito sul modello di un gioco, dove succede di tutto e ti puoi aspettare qualsiasi cosa, il film ha una trama sorprendente che gioca sull'indovinare cosa succederà ai protagonisti, che si trovano a combattere una battaglia più grande di loro, mentre un gruppo di persone sta a guardare cosa succede a loro, di certo da qui c'è un ottimo passo per far rinascere un genere che è ormai in declino, speriamo che altri registi seguano l'esempio di questo regista, che allontanandosi dal solito e ormai decrepito reality movie, fa un film vero e proprio, fregandosene per così dire delle mode, e vince, si perchè il film è da vedere, un ottimo esempio di realizzare una pellicola horror che sia tale, certo per far rinascere un genere un film non basta, ma è un discreto passo avanti per ricominciare oltretutto riuscire a girare un film alla vecchia maniera e ricevere ottime recensioni non è cosa da tutti i giorni ormai.
Tra Slasher movie, ironia sul voyerismo  e misteri, il film non smette mai di stupire, con una regia acuta e intelligente, una trama brillante e degli interpreti un po' sopra le righe, ma per la tipologia di film vanno più che  bene.
APPETITOSO.


Commenti

  1. esci dal cinema contento, mica poco.

    RispondiElimina
  2. penso a questo film come a un nuovo punto di partenza del genere horror.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo che si continua su questa strada :)

      Elimina
  3. eh già, anzi di questi tempi è tanto ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.