mercoledì 29 agosto 2012

Biancaneve e il cacciatore

Beh, la saga di Twilight, è agli sgoccioli, ma le carriere dei suoi protagonisti sembra siano più vivide che mai, non a caso, Kristen Stewart, protagonista, della saga si è messa a lavoro, il suo film, quasi  post twilightiano è Biancaneve  e il cacciatore diretto da Rupert Sanders, che recensirò stasera.
Dunque vediamo, abbiamo una strega ancora più cattiva sia della fiaba dei fratelli grimm, sia del film di Tarsem precedentemente recensito, che ha rappresentato, seppur con qualche sbavatura, una deviazione sulla fiaba originale, qui invece abbiamo la rescrizione totale della fiaba originale, con il cacciatore che diventa non solo eroe, ma anche l'innamorato di biancaneve, e il principe? Solo un ragazzino ricco, viziato e buono, che vuole aiutare biancaneve, ma che non conquisterà mai il suo cuore, io dico, perchè devono cambiare le fiabe totalmente? Escono fuori prodotti che non hanno nulla a che fare con l'infanzia dei bambini, per non parlare degli attori che sono totalmente fuori parte, mai vista una biancaneve con la faccia da sfigata di Kristen Dunst che sembra una guerriera con le palle, ma che sotto sotto, non hanno nulla della vera Biancaneve, per non parlare di Charlize Theron, attrice che reputo fantastica, che in questo ruolo di cattiva non mi ha convinta del tutto, le avrei piacevolmente tagliato la testa, perchè non solo è tanto odiosa, da fare incattivire anche il più mansueto dei gatti, ma è talmente antipatica da risultare alquanto ridicola, nella sua avidità, per non parlare di come è stato costruito il film, come una tragedia tra horror e fantastico, che più che fare rincuorare i bambini li farebbe spaventare, davvero non scherzo, se fossi bambina mi spaventerei a guardare questo film, c'è troppa cattiveria, troppo testosterone nelle donne protagoniste, ma un minimo di dolcezza ci vuole, soprattutto in Biancaneve, che deve essere dolce ma allo stesso tempo forte, e tenere testa alla strega cattiva, qui m'hanno fatto fuori il principe, ma perchè? E' il principe il giovane che si innamora di Biancaneve, non il cacciatore, che ha pena per lei e la risparmia, no, mi spiace, non ci siamo, stavolta è pollice verso, non si può, smontare una fiaba in questo modo.




5 commenti:

  1. non sono d'accordo con il tuo commento, anche perchè non credo che questo film sia stato pensato per i bambini..e poi onestamente riproporre sempre la stessa fiaba non ha senso e stanca il pubblico..invece questa pellicola è originale e avvincente..e gli attori, a mio avviso, non sono niente male..

    RispondiElimina
  2. per me hanno stravolto la fiaba ^^ poi ognuno la pensa come vuole eh? XD

    RispondiElimina
  3. Mah, le riletture io le adoro, soprattutto quelle gotiche, però stavolta più che di rilettura parlerei di robetta per bimbeminkia affamate di testosterone.
    Charlize mi è piaciuta molto, invece, ma sul resto degli interpreti meglio stendere un velo pietoso, eh.

    RispondiElimina
  4. apparte il fatto che un regista deve dare il suo personale parere all'opera, ma qui non si è dato un parere, si è riscritta una fiaba storpiandola, un prodotto costruito su misura per Kristen Stewart...

    RispondiElimina
  5. Anche io credo che i bambini non fossero il target di questo film, quando e se lo vedrò non penso che lo farò vedere a mia figlia o almeno prima lo visionerò da solo poi si vedrà (ma c'è talmente tanta roba da vedere che dubito andremo su questo titolo :)

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...