Passa ai contenuti principali

Casinò

E' l'ultimo, ultimissimo film girato in coppia con Robert De Niro, per molti anni vero e proprio alter-ego cinematografico di Martin Scorsese, nonchè suo attore feticcio, Casinò può essere visto come la chiusura di una trilogia iniziata con Mean Streets e proseguita con   Quei bravi ragazzi, in questo film che ha scritto in coppia con lo sceneggiatore Nicolas Pileggi, peraltro tratto da un suo romanzo, che narra la storia del più geniale gestore di Casinò di Las Vegas Frank "Lefty" Rosenthal qui ribattezzato Sam Rothstein e interpretato  da un grandissimo Robert De Niro, qui in forma smagliante da Joe Pesci vera e propria mina vagante della storia nel suo ruolo dell'amico gangster Nicky Santoro, è inutile dire che la maestria di Scorsese la si scorge dall'inizio alla fine, ci troviamo di fronte un capolavoro assoluto, qui non ha mezze misure, sia per la violenza, - che a proposito io non capisco perchè tante lamentele, Scorsese non si limita a far vedere il gangster, ce lo fa vivere dal di dentro scene violente comprese, è piuttosto realistico e disturbante, ma è la mafia bellezza non è mica un pacchetto di popcorn...- che per le scene più legate ai personaggi, piene di passione e di pathos spinti talmente allo spasimo da risultare eccessivi se diretti dalle mani di un autore inesperto, nelle mani di Scorsese questo non avviene, neanche nelle scene in cui è facile cadere nel patetismo assoluto soprattutto quando è in scena Sharon Stone, qui nella sua prova migliore, dimostrando di essere oltre che un volto e un corpo anche una attrice con gli attributi che riesce a tenere testa persino a un grande attore quale è De Niro a loro due fa da contraltare il grande Joe Pesci, nel ruolo del ganster spietato che non guarda in faccia a nessuno per i suoi scopi, Scorsese non si limita a raccontare, il film è un autentico pugno nello stomaco, forse è la sua opera più polemica, perchè fa letteralmente a pezzi il sogno americano, dimenticatevi le casette con il giardinetto e il marmocchio che gioca con i bambolotti, qui costruisce questo sogno, per demolirlo completamente, in una discesa agli inferi che ricorda molto quei viaggi senza via d'uscita in cui è impossibile ritrovare la luce, a meno che non sei una persona integra che crede realmente a se stesso per uscire da quell'inferno, ed è proprio questo inferno caratterizzato da una spietata avidità il tema centrale del film, che alla fine divorerà tutti quanti Ginger (Stone), Nicky e tutti coloro che hanno mandato a putt*** quell'impero costruito per fregare i nostri soldi, come dice Sam all'inizio del film, che lui gestisce con severità, a lui non sfugge nulla, ha tutto sotto controllo, per questo quando ha iniziato la scalata al casinò oltre a raddoppiare le entrate e fare un sacco di soldi ha delle idee innovative per attirare il pubblico, come fare entrare le scommesse nei casinò e fare gli spettacoli, le cose peggioreranno con l'arrivo ci Ginger McKenna di cui Sam si innamorerà perdutamente e che sarà la causa di tante sfortune che accadono a Sam, Ginger è una truffatrice, e una prostituta, all'inizio sarà eclatante per lui sfoggiarla agli amici e nei parties, ma poi la sua avidità brucerà il mondo intorno a Sam rischiando di fargli fare una brutta fine, anche grazie alla liason con Nicky Santoro e con un vecchio amico Lester Diamond, un pappone, che le chiede sempre soldi e campa alle sue spalle, di cui lei è innamorata.
Un film magnifico e immenso, coaudiuvato da un cast eccezzionale e da una regia magistrale per un film che è sicuramente una delle migliori opere degli anni novanta.
CAPOLAVORO ASSOLUTO.




Commenti

Post popolari in questo blog

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…