Passa ai contenuti principali

Martyrs

Lo dico subito, non è un film per palati facili, e non è assolutamente, il tipo di film che piacerebbe a un grande pubblico, è un film allucinante, perverso, tanto simile a un torture porn, che a un semplice horror, e forse è anche più di un torture porn, almeno quelli sono gore e ti lasciano un po' di divertimento, questo film è inquietante, straziante, che ti lascia dentro un senso che non si può spiagare a semplici parole, racconta di un martirio che un gruppo di psicopatici, attiva verso persone, che vengono rapite, e martirizzate, una di queste, è una giovane ragazza, che scoperto il covo dei rapitori, li uccide a sangue freddo, una volta uccisi, chiama l'amica che è stata vittima di queste sevizie da piccola, e le chiede di aiutarla a ripulire tutto, la drammatica esperienza che si ripete, le ha segnate per la vita, e ancora risentono dei traumi subiti, sarà un viaggio per le due giovani donne, senza via d'uscita, in un inferno che le risucchierà entrambe.
Qual'è il mio parere su un film del genere? Ho visto di tutto, qualsiasi horror, più o meno impressionante, sinceramente questo film mi ha lasciata con un grande senso di strazio, sinceramente non so se mi è piaciuto o meno, è un opera sinceramente valida, ma resta uno sguardo terrificante sulla violenza al cinema, come non succedeva da anni, è un film per stomaci forti si, ma anche gli stomaci forti hanno i loro limiti, e per me che ho iniziato a vedere le opere di Lucio Fulci, credevo che assistere a questo film sarebbe stata una passeggiata, e invece mi ha sconvolta, si perchè è un film sconvolgente, ci sono scene di una violenza disarmante, che colpiscono come un pugno nello stomaco, è inutile girarci intorno, il finale poi è quanto di più raccapricciante possa esistere, non ci sono limiti, non si nasconde nè si censura niente, una lunga ballata di violenza raccapricciante che fa rimanere sbalorditi, forse è eccessiva, ma se si voleva raccontare il martirio era questa la musica da suonare, un film che forse non guarderò più, perchè la sua crudezza fa venire i brividi, e per una persona che bene o male gli horror riesce a digerirli e a guardarli parlare in questo modo, si vede che c'è qualcosa di vero, malgrado tutto, capisco che tutti i gusti sono gusti, di certo Martyrs, non è tra i miei horror preferiti, ma ne riconosco il valore sconvolgente.


Commenti

  1. mi ha messo i brividi questo film brrrrrrrrrrrrrr!!!

    RispondiElimina
  2. Tra tutti gli horror della "new-wave" francese, questo è sicuramente il più interessante, quello che si fa ricordare con più piacere. Buon secondo viene "Calvaire", e poi via con il resto...Frontiéres, Haute Tension (peccato il finale penoso)...La Horde...E quello che a livello di sangue e tortura fisica rivaleggia con Martyrs, e cioè "A l'interieur" - non altrettanto "alto" nei contenuti ma di certo estremo, estremissimo. Saluti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.