martedì 28 agosto 2012

Martyrs

Lo dico subito, non è un film per palati facili, e non è assolutamente, il tipo di film che piacerebbe a un grande pubblico, è un film allucinante, perverso, tanto simile a un torture porn, che a un semplice horror, e forse è anche più di un torture porn, almeno quelli sono gore e ti lasciano un po' di divertimento, questo film è inquietante, straziante, che ti lascia dentro un senso che non si può spiagare a semplici parole, racconta di un martirio che un gruppo di psicopatici, attiva verso persone, che vengono rapite, e martirizzate, una di queste, è una giovane ragazza, che scoperto il covo dei rapitori, li uccide a sangue freddo, una volta uccisi, chiama l'amica che è stata vittima di queste sevizie da piccola, e le chiede di aiutarla a ripulire tutto, la drammatica esperienza che si ripete, le ha segnate per la vita, e ancora risentono dei traumi subiti, sarà un viaggio per le due giovani donne, senza via d'uscita, in un inferno che le risucchierà entrambe.
Qual'è il mio parere su un film del genere? Ho visto di tutto, qualsiasi horror, più o meno impressionante, sinceramente questo film mi ha lasciata con un grande senso di strazio, sinceramente non so se mi è piaciuto o meno, è un opera sinceramente valida, ma resta uno sguardo terrificante sulla violenza al cinema, come non succedeva da anni, è un film per stomaci forti si, ma anche gli stomaci forti hanno i loro limiti, e per me che ho iniziato a vedere le opere di Lucio Fulci, credevo che assistere a questo film sarebbe stata una passeggiata, e invece mi ha sconvolta, si perchè è un film sconvolgente, ci sono scene di una violenza disarmante, che colpiscono come un pugno nello stomaco, è inutile girarci intorno, il finale poi è quanto di più raccapricciante possa esistere, non ci sono limiti, non si nasconde nè si censura niente, una lunga ballata di violenza raccapricciante che fa rimanere sbalorditi, forse è eccessiva, ma se si voleva raccontare il martirio era questa la musica da suonare, un film che forse non guarderò più, perchè la sua crudezza fa venire i brividi, e per una persona che bene o male gli horror riesce a digerirli e a guardarli parlare in questo modo, si vede che c'è qualcosa di vero, malgrado tutto, capisco che tutti i gusti sono gusti, di certo Martyrs, non è tra i miei horror preferiti, ma ne riconosco il valore sconvolgente.


3 commenti:

  1. mi ha messo i brividi questo film brrrrrrrrrrrrrr!!!

    RispondiElimina
  2. Tra tutti gli horror della "new-wave" francese, questo è sicuramente il più interessante, quello che si fa ricordare con più piacere. Buon secondo viene "Calvaire", e poi via con il resto...Frontiéres, Haute Tension (peccato il finale penoso)...La Horde...E quello che a livello di sangue e tortura fisica rivaleggia con Martyrs, e cioè "A l'interieur" - non altrettanto "alto" nei contenuti ma di certo estremo, estremissimo. Saluti.

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...