Passa ai contenuti principali

Miracolo a Le Havre

Aki Kaurismaki, torna con la sua nuova pellicola che ho visto da poco tempo, e non smentisce i suoi temi che sono sempre presenti, questa volta gira una storia di solidarietà di una poetica senza pari, e di una semplicità e leggerezza che conquista a primo colpo.
Inno alla solidarietà e all'altruismo incentrato su un ragazzino nero figlio di clandestini che scappato dal gruppo dove doveva tornare con la sua famiglia trova rifugio nel quartiere degli abitanti di Le Havre e a loro cambierà la vita in meglio, anche se devono difenderlo da un poliziotto astuto che cerca sempre di riportarlo da dove è scappato alla fine saranno proprio le persone a cui ha cambiato la vita questo bambino grazie ai suoi gesti di generosità a coprirlo sempre, facendo anche in diversi momenti scappare il poliziotto.
L'uomo che si prende cura di lui ha la moglie malata di cancro, e rischia di morire, dopo l'arrivo del bambino e con i gesti di tolleranza e generosità che suo marito compie verso di lui e contagiano il quartiere qualcosa sembra migliorare, riuscirà a guarire?
Kaurismaki lo conosciamo alla fabbrica, dato che tempo fa ho recensito il bellissimo L'uomo senza passato dove è riuscito a sorprendermi, con questo film fa altrettanto, ma con una marcia in più, raccontando una storia di umanità e tolleranza verso un bimbo e quel bimbo ricambierà quella tolleranza facendo loro del bene, con uno scambio di valori che va aldilà di ogni pregiudizio, e di ogni cattiveria, riuscendo a colpire laddove si rischia di essere smielati e fasulli, quanti film escono e non sono capaci di commuovere, un esempio lampante è l'ultimo film con Tom Hanks, che a differenza è un polpettone senza anima che rischia di far venire l'orticaria a furia di toccarsi gli occhi ed asciugarsi lacrime forzate che non arrivano mai, Kaurismaki invece offre allo spettatore una storia semplice intrisa della sua poetica, molto toccante con una regia narrativa che si concentra più sugli esseri umani che su slogature di macchine da presa, eppure questo piccolo grande film perchè dobbiamo dirlo E' un grande film riesce oltre a tenere alta l'attenzione dello spettatore a commuovere conquistando persino i cuori più duri, un film che di questi tempi tutti quanti dovrebbero vedere, specialmente la gente che ha dimenticato quanto vale la tolleranza verso il prossimo, Aki Kaurismaki è qui a ricordarcelo, che siamo prima di tutto esseri umani, e non macchine, che avvolte è meglio fermarsi e guardarci intorno e vedere come stanno gli altri, ed essere anche un po' più altruisti verso il prossimo, perchè la vita sarebbe migliore.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.





Commenti

  1. Aki Kaurismaki è un grande, fa un film di quelli che esci dal cinema contento, e lo ringraziamo.

    mi ricorda Guédiguian, ma più leggero (è un complimento) e diretto, c'è anche un attore in comune:)

    RispondiElimina
  2. si Kaurismaki fa un tipo di cinema molto diverso da quello che di solito il grande pubblico è abituato, ma ci aggiunge una umanità e una poetica senza pari, per questo i suoi film sono bellissimi :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…