Passa ai contenuti principali

Shall We Dance

John Clarke è un uomo normale, ha una bella famiglia, una vita monotona, forse un po' noiosa, fino al giorno in cui vede una donna malinconica dentro una scuola di danza, all'inizio John si racconta, parla del suo lavoro, e mostra anche la sua famiglia che non gli da troppe attenzioni, fino al giorno in cui decide di entrare alla scuola di danza di Miss Mitzi, la stessa in cui ha  intravisto la donna malinconica, così entra, e si iscrive ai corsi, all'inizio le lezioni cominciano in modo un po' impacciato, per poi continuare in maniera fluida, e scopre che anche un suo collega frequenta i corsi di ballo, ma per non farsi riconoscere indossa una parrucca, il tutto fatto senza che la famiglia sapesse che frequenta la scuola di danza, finchè non arriva anche il momento di gareggiare...ma la moglie, astuta, scopre che c'è qualcosa di nuovo nella vita del marito, e credendo che la stia tradendo lo fa seguire...come finirà?
Richard Gere ci riprova, dopo la sua incursione nel musical con Chicago, ecco che qui interpreta una commedia danzereccia, e recita per la prima volta con Jennifer Lopez, che non è niente male nel ruolo di Paulina, la maestra di danza, che ha smesso di sognare e di sperare, perdendo la scintilla che le ha fatto amare la danza, l'arrivo di John sarà per lei una nuova fiamma che farà sbocciare di nuovo la voglia di rimettersi in gioco, anche se non sarà facile, ma andiamo al film, Peter Chelsom dirige questo remake, in maniera fresca, nuova, e divertente, non è il classico film sul ballo dove la coppia di ballerini alla fine si innamora, i film sulla danza sono tutti uguali, questo no, il protagonista John Clark, è un uomo di successo, che cerca nella danza le attenzioni che crede la famiglia  non gli da, ma in realtà è presa dalla monotonia quotidiana, come accade spesso nelle famiglie, ecco che la passione del ballo lo travolge, finendo per conquistare tutti, anche il cast di attori è molto ispirato, e si vede, potrà sembrare il classico film superficiale, e invece non lo è, merito di una regia accattivante e di una recitazione stuzzicante, che riesce ad attirare tutti i palati, e considerando che è un remake non è poco, cercherò di recuperare il remake e poi vi farò sapere.
Ah non dimenticate la scena del tango tra John e Paulina, una delle scene più sexy dei film da ballo, che da sola vale la visione del film.
APPETITOSO.






Commenti

  1. buon film, l'ho visto tanto tempo fa ma qualche scena è sempre nella mia mente (come quella quando lui arriva nel centro commerciale salendo le scale con lo smoking).

    RispondiElimina
  2. e ha la rosa in mano, si è un film delizioso ^_^

    RispondiElimina
  3. me lo ricordo, mi era piaciuto molto :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.